Skin ADV

Cgil, Cisl e Uil in presidio alla stazione di Città di Castello, simbolo del ritardo infrastrutturale della regione

Rimettiamo l’Umbria su un "binario" di sviluppo. Cgil, Cisl e Uil in presidio alla stazione di Citta' di Castello, simbolo del ritardo infrastrutturale della regione.
“La realizzazione di adeguate infrastrutture nell’Alto Tevere e in Umbria in generale è uno dei temi più discussi, ma che ad oggi non trova soluzioni, anzi negli anni la carenza infrastrutturale si è aggravata e nell’Alto Tevere in particolare è una delle emergenze che blocca la ripresa e la competitività del sistema produttivo locale”. È questo il messaggio lanciato stamattina (15 settembre) da Cgil, Cisl e Uil della provincia di Perugia dal presidio organizzato di fronte alla stazione ferroviaria di Città di Castello, luogo simbolo dell'arretratezza infrastrutturale del territorio e dell'assoluta necessità di investimenti per il rilancio. I sindacati – che hanno dato vita ad una simbolica invasione dei binari - hanno ribadito la richiesta a Regione e Governo di “prendere atto della gravità della situazione” procedendo subito alla realizzazione e alla sistemazione delle infrastrutture necessarie al territorio. “Non possiamo più tollerare la drammatica inefficienza della ferrovia che invece di essere innovata ed adeguata alle esigenze del territorio negli anni è stata destrutturata, resa sempre meno in grado di corrispondere alle esigenze della potenziale utenza – hanno detto i tre segretari di Cgil, Cisl e Uil, Filippo Ciavaglia, Antonello Paccavia e Claudio Bendini - Tratti ferroviari dismessi dopo averci investito per l’elettrificazione, percorsi di poche decine di Km che hanno tempi di percorrenza lunghissimi, mancanza di un orario unico regionale che faciliti l’utilizzo dei mezzi pubblici”. Ma non c'è solo il trasporto su ferro ad allarmare le organizzazioni sindacali: “Non si può più accettare che la E45 sia ancora ad una corsia nel viadotto Puleto, dopo una chiusura durata mesi nel 2019 – hanno rimarcato i sindacati - Un'arteria fondamentale per l’Umbria, da anni è sottoposta a lavori di sistemazione dei quali però non si vede mai la fine, con disagi enormi per il traffico e seri problemi di sicurezza”. A pesare, poi, sempre secondo Cgil, Cisl e Uil è l'incertezza sulla realizzazione della E78, “per la quale di Governo in Governo si prevedono i finanziamenti per il tratto umbro che poi scompaiono o non vengono spesi, rimandando sempre il varo dell'infrastruttura che dovrebbe collegare Grosseto e Fano con le importanti ricadute positive per l’economia dei territori interni di Toscana, Umbria e Marche”. C'è poi la strada “Pian d’Assino” Umbertide – Gubbio, “una delle arterie più pericolose dell’Umbria, dove i lavori di adeguamento non partono, pur essendoci i finanziamenti”. Infine, pesa, secondo Cgil, Cisl e Uil la mancanza dei supporti infrastrutturali necessari al funzionamento della piastra logistica, così come l’assenza del cablaggio del territorio per la modernizzazione delle imprese e lo sviluppo della alfabetizzazione informatica. “Diciamo basta all’arretramento economico, sociale, culturale del sistema Umbria – hanno concluso i tre segretari dal presidio di Città di Castello - la Regione investa in un grande piano infrastrutturale condiviso con le forze sociali, per impedire un ulteriore regresso del nostro territorio. Il Governo metta a disposizione le necessarie risorse per realizzare quanto è necessario ad una nuova stagione di crescita e di tenuta dell’Umbria”.
Città di Castello/Umbertide
15/09/2020 12:25
Redazione
Perugia: domani apertura del primo “Spazio CDP” in Umbria
Domani alle 11.30 presso la Sala delle Colonne di Palazzo Graziani, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia,...
Leggi
Annullata l'amichevole Gubbio - Cesena. Infezione gastrointestinale per tre giocatori del Gubbio. Subito i tamponi
Annullata la partita amichevole Gubbio - Cesena prevista allo stadio Barbetti domani alle 16.30.  Lo ha comunicato la s...
Leggi
C.Castello: Angelo Capecci confermato alla guida della Fondazione Villa Montesca
I soci Fondatori Comune di Città di Castello, Provincia di Perugia ed Arpa Umbria, riuniti presso la sede di Villa Monte...
Leggi
Contributi prima casa: arriva il bando regionale
Sarà pubblicato domani, mercoledì 16 settembre, il Bando per la concessione di contributi finalizzati all` acquisto dell...
Leggi
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte a Norcia in visita alla scuola superiore "De Gasperi- Battaglia"
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è arrivato a Norcia in visita privata alla nuova scuola superiore temporane...
Leggi
A Gubbio pienone di turisti nei mesi di luglio e agosto
Inversione di tendenza per i numeri del turismo eugubino a Luglio e Agosto: secondo i dati forniti dal servizio turismo ...
Leggi
Valorizzazione offerta turistica territoriale, dalla Regione Umbria 28.069,91 euro per il Comune di Umbertide
Rafforzare l’offerta turistica attraverso lo sviluppo del turismo esperienziale: questo è l’obiettivo del progetto “Una ...
Leggi
Ospedale di Branca, Stirati: “Dirigenza sanitaria dia risposte”
Il sindaco di Gubbio Filippo Stirati interviene sul grido di dolore lanciato oggi dai sindacati a proposito delle presta...
Leggi
Gubbio, riapre al pubblico lo stadio Barbetti: 380 biglietti complessivi quelli disponibili per la partita con il Cesena
Finalmente dopo 7 mesi si torna a giocare allo stadio Barbetti di Gubbio una gara a porte aperte. Accadrà domani in occ...
Leggi
A Bevagna "A cena con il Podesta'" chiude l'estate di appuntamenti medievali
Sabato 12 settembre Bevagna ha rivissuto per una sera la magica atmosfera dei giorni del Mercato delle Gaite. “A cena co...
Leggi
Utenti online:      234


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv