Skin ADV

Orvieto: pacco ‘farcito’ per detenuto in carcere scoperto dalla polizia penitenziaria, la droga era nascosta tra la bresaola

Si è fatto spedire in carcere, dove è detenuto, un pacco alimentare: ma, insieme alle cibarie, il personale di Polizia Penitenziari ha scoperto della droga, debitamente occultata tra delle fette di bresaola.

Si è fatto spedire in carcere, dove è detenuto, un pacco alimentare: ma, insieme alle cibarie, il personale di Polizia Penitenziari ha scoperto della droga, debitamente occultata tra delle fette di bresaola. Protagonista un detenuto del carcere di Orvieto. A dare la notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE. Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, commenta: “Brillante operazione della Polizia Penitenziaria di Orvieto. Un detenuto si è fatto spedire un pacco alimentare, tramite corriere, dall’esterno al cui interno era occultata sostanza  stupefacente, hashish e marijuana, con confezionamento frazionato in diverse dosi del peso di circa 130 grammi. La sostanza era nascosta all'interno di fette di bresaola accuratamente confezionata sottovuoto. Il personale di Polizia Penitenziaria operante non si è fatto ingannare e così ha evitato che un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti potessero fare ingresso in carcere. Il detenuto è stato deferito all’Autorità giudiziaria in stato di libertà mentre sono in corso accertamenti per l'individuazione del soggetto che ha spedito la droga. Questo è solamente l’ultimo intervento fatto dalla penitenziaria di Orvieto che ogni giorno col proprio lavoro garantisce la sicurezza nel carcere. L'encomio del SAPPE Umbria va al Personale della Casa circondariale di Orvieto che, nonostante le tante criticità, si conferma  baluardo contro l'illegalità, garantendo l'ordine e disciplina all'interno del penitenziario”. “Ogni giorno”, prosegue il segretario generale del SAPPE Donato Capece, “la Polizia Penitenziaria porta avanti una battaglia silenziosa per evitare che dentro le carceri italiane si diffonda uno spaccio sempre più capillare e drammatico, stante anche l’alto numero di tossicodipendenti tra i detenuti. L’hashish, la cocaina, l’eroina, la marijuana e il subutex - una droga sintetica che viene utilizzata anche presso il SERT per chi è in trattamento – sono quelle che più diffuse e sequestrate dai Baschi Azzurri. Ovvio che l’azione di contrasto, diffusione e consumo di droga in carcere vede l’impegno prezioso della Polizia penitenziaria, che per questo si avvale anche delle proprie Unità Cinofile. Questo fa comprendere come l’attività di intelligence e di controllo del carcere da parte della Polizia Penitenziaria diviene fondamentale. Questo deve convincere sempre più sull’importanza da dedicare all’aggiornamento professionale dei poliziotti penitenziari, come ad esempio le attività finalizzate a prevenire i tentativi di introduzione di droga in carcere, proprio in materia di contrasto all’uso ed al commercio di stupefacenti”. Il leader nazionale del SAPPE conclude ricordando che “la Polizia Penitenziaria, a Orvieto e nelle altre prigioni d’italia, è quotidianamente impegnata nell’attività di contrasto alla diffusione della droga nei penitenziari per adulti e minori. Il numero elevato di tossicodipendenti richiama l’interesse degli spacciatori che tentano di trasformare la detenzione in business”.

Perugia
20/10/2021 15:25
Redazione
Nanotecnologie: il futuro della ex Merloni stasera a Link con l'assessore regionale Fioroni, il fisico Gammaitoni, il sindaco di Nocera Umbra Caparvi e il segretario Cgil Ciavaglia
Nanotecnologie e area ex Merloni: un progetto promosso dalla Regione Umbria a valere sui fondi per il PNRR, destinato a ...
Leggi
Usl Umbria 1, insediata oggi la cabina di regia aziendale per il Governo delle liste di attesa
La direzione generale dell`Usl Umbria 1 comunica che nella giornata odierna è stata costituita una "Cabina di regia azie...
Leggi
Elisoccorso recupera cacciatore ferito nel Comune di Nocera Umbra
Poco dopo le 10 di oggi, il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) è intervenuto per un cacciatore ferito all`inte...
Leggi
Agabiti, ristori Covid anche a piscine coperte e cinema
"Anche le associazioni e società sportive dilettantistiche che gestiscono piscine al coperto e le imprese che svolgono a...
Leggi
Sesta giornata di Campionato, il Foligno ospita in casa la Sangiovannese
I falchetti, per la sesta giornata di Campionato di serie D, girone E, ospiteranno in casa la Sangiovannese. Il match si...
Leggi
“Play the future Gubbio”: fare impresa è…un’impresa?
Imprenditori si nasce o si diventa? Creare il proprio lavoro a partire da un’idea, una passione, è possibile? Cosa signi...
Leggi
San Giustino: i ragazzi della scuola media dipingono le “panchine della pace”
Fantasia e desiderio di un mondo di pace e giustizia, espresso anche con poesie e musica. Questo il messaggio dei ragazz...
Leggi
Covid: ancora un rialzo degli attualmente positivi in Umbria
Ancora un rialzo degli attualmente positivi al Covid in Umbria, ora 586, 20 più di martedì secondo quanto si legge sul s...
Leggi
Gualdo Tadino: alla Rocca Flea gli antichi sigilli della Collezione Francesco Allegrucci
Per chi va in cerca di preziose curiosità, non può perdersi al Museo Civico Rocca Flea a Gualdo Tadino la nuova mostra “...
Leggi
Gubbio: annullato il Premio Bandiera, problemi personali per McCurry
E’ purtroppo annullata la consegna del Premio Bandiera 2021, che il Gruppo Sbandieratori, di concerto con il Comune di G...
Leggi
Utenti online:      245


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv