Skin ADV

Perugia, follia in carcere a Capanne: aggrediti due poliziotti. Sappe: “Basta con le impunità!”

Ancora sangue e violenza in un carcere umbro, ancora il penitenziario di Capanne a Perugia al centro delle cronache.

Ancora sangue e violenza in un carcere umbro, ancora il penitenziario di Capanne a Perugia al centro delle cronache. Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del SAPPE, spiega nel dettaglio il grave evento critico accaduto nella struttura detentiva di Strada Pievaiola: Ieri sera, alle 1840 circa, si è consumata l'ennesima aggressione ad un Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza e ad un Assistente Capo Coordinatore in servizio al reparto circondariale di Perugia Capanne sezione Isolamento. Il detenuto, di nazionalità maghrebina, sottoposto al regime detentivo del 14 bis O.P., arrivato a Perugia a giugno 2023, ha chiesto di andare a telefonare. Il collega apriva la cella e, immediatamente, senza alcun motivo, lo straniero sferrava un calcio ad una sedia, colpendo dietro la schiena l'ispettore: immediatamente, i due poliziotti hanno provveduto a immobilizzarlo e a condurlo all'interno della cella ma, nel momento in cui veniva lasciato, ha sferrato un pugno in faccia All'assistente Capo Coordinatore. Il detenuto veniva dunque messo in sicurezza con grande professionalità da tutti i colleghi intervenuti. Il collega veniva accompagnato all'spedale di Perugia con una prognosi di 7 giorni salvo complicazioni”.

Per Bonino, “le carceri umbre stanno vivendo ormai da tempo momenti di grande difficoltà nella gestione dei detenuti. Sono continue le aggressioni al Personale che si verificano senza che vi sia un intervento da parte degli organi superiori. E questo convince i detenuti, specie quelle più violenti, che possono fare quel che vogliono, restando impuniti. È una vergogna”.

“Ditemi voi se è normale un Paese nel quale un detenuto pensa bene di aggredire due poliziotti. Ma ci rendiamo conto? A questo senso di impunità, di cui larga parte della frangia violenta della popolazione detenuta è convinta di godere, devono assolutamente corrispondere provvedimenti penali e disciplinari efficaci, anche prevedendo di destinare  carceri dismesse come l’Asinara e Pianosa per contenere quei ristretti che si rendono protagonisti di gravi eventi critici durante la detenzione”. Lapidario il commento di Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, a quanto avvenuto nelle ultime ore nel carcere di Capanne a Perugia.

Capece mette sotto accusa la gestione delle carceri da parte dell’attuale Capo del DAP Giovanni Russo: “La sua gestione è fallimentare: non fa praticamente nulla, vive isolato dai “suoi” uomini e non sappiamo neppure che faccia abbia, essendo evidentemente allergico al confronto con i Sindacati. Non ci incontra e non fa nulla, quando invece dovrebbe intervenire con urgenza sulla gestione dei detenuti stranieri, dei malati psichiatrici, della riorganizzazione istituti, della riforma della media sicurezza. Si guarda bene dal varere quelle necessarie ‘regole di ingaggio’ – chiare! - su cosa può fare la Polizia Penitenziaria in caso di rivolte ed eventi critici violenti prima. È sotto gli occhi di tutti, o meglio di chi vuole davvero vedere quel che succede nelle patrie galere, che sono aumentati ed aumentano gli episodi violenti: e con il regime penitenziario ‘aperto’ e la vigilanza dinamica, ossia con controlli ridotti della Polizia Penitenziaria, la situazione si è ulteriormente aggravata”. Per questo, “invito Russo– che per essere Capo della Polizia Penitenziaria (!) percepisce una lauta e corposa indennità economica oltre allo stipendio - ad andare, lui e i vari dirigenti dell’Amministrazione Penitenziaria, in carcere chi lo vive 24 ore su 24, 365 giorni, tra le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria. Corpo di Polizia a cui appartengono donne e uomini che pressochè quotidianamente hanno a che fare con detenuti che mettono a repentaglio l’ordine e la sicurezza della sezione detentiva, che si confrontano a detenuti con in mano una o più lamette intrise di sangue, o con una padella piena di olio bollente tra le mani pronta per essere buttata in faccia all’operatore, o con un piede di tavolino in mano pronto ad essere scagliato contro un poliziotto”. 

Il Ministro della Giustizia Nordio ci dia segnali chiari o le carceri, anche per colpa di questa gestione del DAP, presto esploderanno per le proteste dei poliziotti, stufi di questo lassismo e di queste impunità”.

Perugia
04/09/2023 15:54
Redazione
Inaugurazione Scuola Secondaria di I grado di Casacastalda
Verrà inaugurata mercoledì 13 settembre alle ore 10.30 la Scuola Secondaria di 1° Grado di Casacastalda. Questo evento s...
Leggi
Anci Umbria e Federsanità Umbria a sostegno del Comitato per la Vita "Daniele Chianelli"
Un protocollo d’intesa per sostenere le attività del Comitato per la vita “Daniele Chianelli”. A stipularlo, questa matt...
Leggi
Gubbio, parcheggio Teatro Romano: ecco quando si paga (sosta libera per i Ceri)
Per il parcheggio del Teatro Romano da mesi ormai è stato disposto il pagamento per la sosta. Lo ha stabilito la Giunta ...
Leggi
Foligno: cane smarrito vaga spaventato in via Cave, riconsegnato al proprietario
Erano le 7 del mattino quando gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Foligno sono stati contattati da un...
Leggi
Ripartono i corsi della scuola Comunale di Musica di Gualdo Tadino
Ripartono lunedì 11 settembre, i corsi della scuola comunale di Musica di Gualdo Tadino diretta da Francesco Demegni, co...
Leggi
Il Comune di Spello scelto per rappresentare i Comuni fioriti italiani alla manifestazione “Les Carrés Fleuris” a Évreux (Normandia)
Il Comune di Spello scelto insieme ai Comuni di Bellaria-Igea Marina e Casale Monferrato per rappresentare i Comuni Fior...
Leggi
Torna stasera alle 20.30 "Fuorigioco" su TRG: ospite l'attaccante rossoblù Udoh, replica alle ore 23
Torna stasera l`appuntamento con la nuova stagione del salotto sportivo di "Fuorigioco" su TRG: inizio anticipato alle 2...
Leggi
Aeroporto dell’Umbria: ad agosto 71.214 passeggeri
Il numero dei passeggeri transitati nei primi otto mesi del 2023 all`aeroporto internazionale dell`Umbria "San Francesco...
Leggi
Il Lions Club Gubbio aderisce al progetto "Zaino sospeso"
Il Lions Club Gubbio ha infatti aderito al Service Multidistrettuale che, nel periodo 2023-2026, mette in campo il proge...
Leggi
Magione, Sindaco Chiodini: "Emozionante come Papa Francesco ricordi il nostro Fra Giovanni da Pian di Carpine". Frate umbro riportò lettera donata al presidente della Mongolia
"È davvero emozionante e straordinario che papa Francesco abbia voluto nel suo primo intervento pubblico in Mongolia ric...
Leggi
Utenti online:      288


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv