Skin ADV

"Coltiviamo l’Appennino centrale": Confagricoltura Umbria lancia la sfida insieme alle consorelle del centro Italia su valorizzazione del bosco e lotta ai cinghiali: stasera a "Trg Plus" (ore 20.50)

"Coltiviamo l’Appennino centrale": Confagricoltura Umbria lancia la sfida insieme alle consorelle del centro Italia su valorizzazione del bosco e lotta ai cinghiali: le parole dei principali relatori, stasera a "Trg Plus" (ore 20.50)

Sviluppare un modello economico/produttivo del bosco, promuovere la superficie boschiva come coltura agraria a tutti gli effetti e incentivare una nuova gestione faunistico-venatoria per gli ungulati e i predatori: sono questi i principali obiettivi sui quali si è sviluppato il confronto tra agricoltori, associazioni di categoria e istituzioni nell’ambito dell’incontro “Coltiviamo l’Appennino centrale: risorse e criticità”, promosso da Confagricoltura, che si è tenuto giovedì scorso all’Hotel Giò Jazz & Wine di Perugia, a cui sarà dedicato il "Trg Plus" di stasera, lunedi' 8 aprile (ore 20.50 - replica domani ore 13.30).

D’altro canto, l’Italia è un paese forestale con 10,9 milioni di ettari di bosco e terre boscate, ovvero il 36,4% della superficie nazionale, con un incremento notevole negli ultimi anni, che ha portato la superficie forestale a superare quella agricola. In Umbria, oggi, la superficie forestale è il 50% del territorio. Eppure noi italiani utilizziamo il 25-30% del potenziale, contro una media U.E. del 56%, con prelievi annui che sono la metà di quelli di Francia, Spagna e Portogallo (4 m3/ettaro/anno) e ancora di più rispetto a Germania e Gran Bretagna (5,6 e 5,4 m3/ettaro/annui). Siamo il 1° esportatore europeo di prodotti finiti (3° al mondo), ma anche il 1° importatore mondiale di legna ad uso energetico e il 2° in Europa di legname. Probabilmente siamo anche il 1° importatore di legname illegale.

Su questi dati si è, dunque, sviluppato il confronto che ha visto coinvolte le cinque regioni dell’Appennino centrale, Umbria, Toscana, Emilia Romagna, Marche e Lazio, rappresentate dai rispettivi assessori regionali all’Agricoltura, così come dai presidenti regionali di Confagricoltura e gli esperti Raoul Romano, del Centro ricerche politiche e bioeconomia CREA e Marco Apollonio dell’Università di Sassari. Insieme a loro, il Capo Dipartimento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e Turismo Giuseppe Blasi e il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti.

Ai microfoni di TRG anche il presidente di Confagricoltura Umbria, Fabio Rossi, i colleghi di Marche, Toscana ed Emilia Romagna, Giovanni ManzottiFrancesco Mieri Fulcis ed Eugenia Bergamaschi, e l'assessore regionale all'Agricoltura, Fernanda Cecchini.

“L'agricoltura è componente essenziale per i territori dell’Appennino – afferma Massimiliano Giansanti,  Presidente di Confagricoltura - Per questo occorre fare una riflessione profonda sulla sostenibilità economica dell’agricoltura in queste aree, senza la quale le montagne si spopolano e si perde quel vantaggio in termini multifunzionale che garantiscono gli operatori del settore, oltre naturalmente al contributo in termini di crescita e occupazione. I territori appenninici del nostro paese, caratterizzati spesso da una debolezza strutturale ed infrastrutturale che ne comporta marginalità ed isolamento economico-sociale, possono invece assumere un ruolo strategico nelle politiche di coesione territoriale che mettono al centro degli obiettivi le cosiddette “aree interne”.  E’ necessario quindi definire un piano strategico di gestione a livello nazionale di questa “infrastruttura verde” che è la dorsale appenninica, orientata alla permanenza e alla valorizzazione di tutte quelle attività di gestione e manutenzione del territorio (agricoltura sostenibile e tradizionale, pascolo, attività zootecniche, selvicoltura e attività connesse e complementari alle pratiche agricole). E sono necessarie strategie di governance tarate e calate, poi, nelle realtà locali e concertate tra i diversi attori dei singoli territori, al fine di orientare efficacemente le politiche di programmazione comunitaria, nello specifico i piani di sviluppo rurale.”

“Una delle difficoltà maggiori nel far partire politiche concrete per affrontare la difficile situazione di certe aree come quelle dell’Appennino centrale -ha spiegato il Capo Dipartimento MIPAAFT Giuseppe Blasi- è la scarsità di risorse. Per il futuro, tuttavia, c’è sicuramente una maggiore collaborazione tra Stato e Regioni su questi temi, che è importante anche in vista della nuova programmazione dei fondi comunitari, fondamentale per avere le risorse necessarie. I prossimi due anni saranno decisivi e dobbiamo lavorare insieme per poter trovare soluzioni concrete.”

Perugia
08/04/2019 13:08
Redazione
"Unforgettable Umbria": tutto pronto per la mostra della Fondazione Carisp Perugia a Palazzo Baldeschi dal 13 aprile
La Fondazione CariPerugia Arte presenta “UNFORGETTABLE UMBRIA - L`arte al centro fra vocazione e committenza”, un raccon...
Leggi
"Umbrialavoro" l’11 e 12 aprile ad Assisi: un evento su lavoro, formazione e impresa
Si terrà l`11 e 12 aprile, al Pala Eventi di Assisi, l`evento "Umbrialavoro", organizzato dalla Regione Umbria in collab...
Leggi
Gubbio: lunedì 8 aprile il Consiglio Comunale
Il Presidente del Consiglio Comunale ha convocato l’assemblea cittadina, in sessione straordinaria in seduta pubblica, p...
Leggi
Gubbio: domani l'inaugurazione di via Concioli
Si terrà domani alle ore 11 la cerimonia di inaugurazione dei lavori di rifacimento di via Concioli. L’appuntamento è pr...
Leggi
Assisi: torna la manifestazione “Sentieri Francescani” organizzata dall’Automotoclub Storico Assisano
Parte ancora una volta dalla Tomba di San Francesco in Assisi la “Fiaccola Votiva” che, ogni anno, le auto dell’Automoto...
Leggi
BCC Pergola e Corinaldo: domani alle 17 l'inaugurazione della nuova filiale a Gubbio al Centro Contessa
Novità nel settore del credito sulla piazza di Gubbio: è in programma domani sabato 6 aprile alle ore 17 al centro direz...
Leggi
I Lions ricordano l’astrofisico folignate Paolo Maffei, a dieci anni dalla sua scomparsa
Dieci anni fa veniva a mancare nella sua Foligno il prof. Paolo Maffei, docente di Astrofisica all`Università di Perugia...
Leggi
Quadrilatero, la presidente Marini ribadisce la linea: "Prioritario risolvere nodo sub-appalti e pagamenti"
"Va risolto il nodo legato alle ditte sub-appaltatrici della Astaldi perché non è pensabile che si completino opere pubb...
Leggi
Gualdo Tadino: presentata al Teatro Talia l’opera “Il Giardino e La Luna” di Maria Francesca Lazzari che si è aggiudicata il progetto TAG
E’ stata presentata presso il Teatro Talia di Gualdo Tadino martedi 2 Aprile l’opera vincitrice del Progetto TAG (Tracce...
Leggi
Umbertide: terzo appuntamento con "I ristulzini del Mercato della Terra"
Per iniziare al meglio la bella stagione Pro-Loco Umbertide e Slow Food Alta Umbria sono lieti di invitarvi ai ‘’I Ristu...
Leggi
Utenti online:      692


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv