Skin ADV

Assisi: il sindaco ha scritto al ministro Azzolina per “salvare” le scuole paritarie

Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha deciso di scrivere nei giorni scorsi al ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina per sottolineare l'importanza fondamentale della scuola dell'infanzia cattolica e paritaria per la comunita'.

Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha deciso di scrivere nei giorni scorsi al ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina per sottolineare l’importanza fondamentale della scuola dell’infanzia cattolica e paritaria per la comunità (cinque istituti che sono a Santa Maria degli Angeli, Castelnuovo, Palazzo e Viole) e l’eccellenza della qualità educativa formativa. Le scuole cattoliche e paritarie che accolgono oltre 200 bambini nella fascia 3-6 anni, sono ben organizzate, hanno ampi spazi interni ed esterni, tali da garantire il rientro in piena sicurezza e prima del decreto Rilancio erano a rischio di sopravvivenza a causa dei tagli annunciati per l’emergenza Covid-19. “Il problema enorme che Assisi, come centinaia di altre città italiane, si troverebbe a vivere – ha scritto nella lettera - è la paventata chiusura di queste strutture scolastiche, che avrebbe una ricaduta drammatica sulla nostra realtà, per le famiglie che perderebbero una ricchezza educativa e per la impossibilità oggettiva di ricollocazione dei bambini in strutture pubbliche. A questo si aggiungerebbe il nascente problema degli asili nido, delle scuole d’infanzia e dei servizi educativi 0-6 privati per l’esclusione della fascia 0-3 dalle riaperture dei centri estivi”. “Come Amministrazione – ha aggiunto il sindaco - abbiamo sostenuto con fondi comunali le realtà degli asili nido e delle scuole paritarie e cattoliche negli anni, ma ora siamo stati investiti dalla crisi Covid che ha azzerato tutte le entrate extra-tributarie legate al turismo, minando pesantemente il nostro bilancio. Nonostante questo, facendo un enorme sforzo, riusciremo a garantire un sensibile contributo economico a queste realtà educative, indispensabili alla vita dei nostri bambini e delle nostre famiglie, quindi della nostra comunità. Ma il nostro contributo comunale non basterà a coprire i costi che le scuole paritarie, in assenza delle rette dei bambini, si trovano a dover comunque pagare. Per la nostra Città sarebbe fisicamente impossibile anche solo ricollocare i bambini nelle scuole pubbliche”. Il sindaco aveva nella lettera invitato il ministro a individuare al più presto una soluzione per salvare il sistema educativo delle scuole paritarie che rappresentano un’eccellenza della città. La lettera scritta dal Sindaco nei giorni scorsi, unendosi a molte altre manifestazioni di sostegno alle scuole paritarie, sembra aver sortito effetti. Il decreto Rilancio ha previsto infatti, nelle misure di sostegno economico all’istruzione paritaria e al sistema integrato 0-6, un finanziamento di 65 milioni di euro a favore dei servizi educativi (quindi anche gli asili nido) e delle istituzioni scolastiche dell’infanzia come sostegno economico per il mancato versamento o la riduzione delle rette a causa del Covid-19. “Era la buona notizia che aspettavamo, ora siamo più tranquilli per i tanti bambini e le loro famiglie che hanno, nelle scuole paritarie, un insostituibile alleato educativo. Come Comune continueremo a vigilare e a sostenere fortemente tutto il nostro sistema scolastico nel suo complesso.”

Assisi/Bastia
21/05/2020 13:49
Redazione
Assisi: accesso digitale alle misure di sostegno economico post Covid-19
Il DigiPASS Assisi dedica gli appuntamenti del fine settimana a spiegare quali sono le procedure digitali utili per acce...
Leggi
Coronavirus, il lavoro del Gruppo comunale di Protezione civile di Spello a supporto della comunità
Sono circa 9.500 i km percorsi dai volontari del Gruppo comunale di Protezione civile che durante l’emergenza Coronaviru...
Leggi
Rinviato all'anno prossimo il convegno su ‘Arnaldo Fortini e la città di Assisi’
L’Amministrazione Comunale di Assisi con la collaborazione scientifica dell’Accademia Properziana del Subasio e della So...
Leggi
Cosa resta del 15 maggio 2020: alle 13.40 replica dell'ultima puntata de "L'Attesa"
Cosa resta del 15 maggio 2020? E` il tema al centro dell`ultima puntata de "L`Attesa" (replica oggi ore 13.40 TRG e stas...
Leggi
Perugia: foglio di via ed espulsione a coppia rintracciata a Fontivegge dalla Polizia di Stato
Nel corso dell’attività di controllo del territorio, una pattuglia della Polizia di Stato in servizio per verificare il ...
Leggi
Coronavirus: due nuovi casi in Umbria, su oltre 1.200 tamponi eseguiti. I guariti salgono a 1.279, appena 19 i ricoverati superata quota 60 mila tamponi
Due  nuovi contagi in Umbria nelle ultime ore, a fronte di 1.253 tamponi eseguiti. Questi i dati al momento disponibili ...
Leggi
Fine settimana con misure restrittive a Gubbio e Gualdo Tadino: videoconferenza dei due sindaci stamane con il Prefetto Sgaraglia
Si è tenuta stamane, in videoconferenza, una riunione, presso la Prefettura di Perugia, presieduta dal Prefetto di Per...
Leggi
Gubbio: interruzione momentanea del traffico su tratto del Bottaccione
La Provincia di Perugia con ordinanza n. 83 del 20 maggio 2020, stabilisce l`interruzione temporanea al traffico per lav...
Leggi
Expo Casa, ecco le nuove date fissate da Epta: dal 27 febbraio al 7 marzo 2021
La XXXVIII edizione di Expo Casa, il Salone nazionale Edilizia e Arredamento, è rimandata al prossimo anno. L’esposizion...
Leggi
A Gualdo Tadino aprono nuove attività. La ripartenza per tutti e gli auguri del Sindaco
Da lunedì 18 maggio anche a Gualdo Tadino, come nel resto d’Italia, le attività commerciali e i pubblici esercizi sono r...
Leggi
Utenti online:      210


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv