Skin ADV

Fesr 2014-2020, ancora 4 anni per spendere risorse

La Prima Commissione, presieduta da Daniele Nicchi, ha analizzato lo stato di attuazione dei fondi europei.

Per l' Umbria ci sono oltre 412 milioni di euro del Fesr 2014-2020 di cui, al 31 dicembre 2019, quasi 160 milioni di euro impegnati, pari al 38 per cento, e più di 95 milioni di euro di spesa certificata, pari al 23 per cento. Dati leggermente al di sotto della media italiana, ma l' attuazione di questo settennato scadrà nel 2023, quindi ci sono ancora quattro anni per impegnare e spendere le risorse. E' quanto è emerso dall'audizione di oggi della Prima commissione dell' Assemblea legislativa dell' Umbria, presieduta da Daniele Nicchi, proprio sullo stato di attuazione finanziaria del Fondo europeo di sviluppo regionale. Alla seduta - riferisce una nota della Regione - hanno preso parte Carlo Cipiciani (direttore regionale risorse, programmazione, cultura, turismo), Luigi Rossetti (direttore regionale sviluppo economico, agricoltura, lavoro, istruzione, agenda digitale) e Claudio Tiriduzzi (dirigente del servizio programmazione comunitaria). Al termine della seduta il presidente Daniele Nicchi ha sottolineato che "queste riunioni sono molto utili per far conoscere ai consiglieri lo stato di attuazione dei fondi europei, una delle principali materie di competenza della Commissione. Anche perché questo tipo di finanziamenti comunitari sono una delle poche risorse rimaste a disposizione dei Comuni per impegnarsi in opere pubbliche, ma sono anche un aiuto importante al mondo delle imprese umbro. Per questo abbiamo subito condiviso la richiesta di audizione fatta da Donatella Porzi". "Oggi - ha aggiunto Nicchi - abbiamo iniziato un percorso che proseguiremo nella prossima seduta analizzando lo stato di attuazione del Fondo sociale europeo (Fse) e poi con il Piano di sviluppo rurale (Psr). È fondamentale che la Prima commissione conosca a fondo la situazione della programmazione 2014-2020 così che possa essere propositiva per quella 2021-2017 per farla andare sempre più incontro alle esigenze del territorio". I dirigenti regionali hanno sottolineato come i "dati emersi (160 milioni impegnati e i 95 di spesa certificata) si riferiscono al 2019, ma l' attuazione dei fondi europei 2014-2020 proseguirà fino al 2023. Quindi ci sono ancora quattro anni per impegnare e spendere le risorse a disposizione. Scontiamo un fisiologico periodo iniziale di partenza faticosa e lenta perché nei primi due anni si programmano gli interventi e solo dopo parte l' attuazione. Si tratta di uno sfasamento fisiologico. La programmazione 2014-2020 prevede una riserva di performance del 6 per cento, che le Regioni potevano avere solo al raggiungimento di risultati concreti. Una sfida che l' Umbria ha vinto centrando i target e riuscendo ad accedere a questa riserva". "Inoltre nell' ultimo settennato - è stato spiegato ancora -la Commissione europea ha spinto sul coinvolgimento degli Enti locali anche nell' attuazione dei programmi. Gestire programmi complessi per i Comuni ha comportato un periodo di apprendistato inevitabile. Una direzione coraggiosa che l' Umbria ha preso con decisione e che è un investimento per il futuro, visto che nella prossima programmazione il coinvolgimento dei Comuni aumenterà. Da considerare che l' asse per il sisma, con 56 milioni di euro, è arrivato più tardi e il livello di attuazione è ancora basso, perché le risorse sono disponibili dalla fine del 2017. Lo stato di avanzamento dei programmi è al 23 per cento, leggermente più basso della media italiana che è al 28, e anche come impegni siamo un po' più bassi. Abbiamo superato il target 2019 di spesa certificata (95 milioni contro i 90 richiesti). Nel 2020 il target sarà di 139 milioni e dovremo fare uno sforzo maggiore perché arriva a scadenza la prima annualità del terremoto. Siamo di fatto a 2 anni e mezzo dall' inizio dell' attuazione vera e propria. Pensiamo di riuscire ad arrivare in fondo non perdendo risorse europee per la nostra regione. Non ci sono problemi di inefficienza, ma una serie di scelte fatte dall' intera Assemblea legislativa nella passata legislatura che scontano una partenza meno veloce di altri, ma che vanno viste come investimento per il futuro dell' Umbria e che dobbiamo essere capaci di cogliere. Abbiamo ancora diversi anni, i flussi sono importanti e pensiamo di poterli governare". L'asse Ricerca e innovazione con una dotazione finanziaria di 101 milioni di euro, al 31 dicembre 2019 - è detto ancora nel comunicato - aveva una impegno dell' 87 per cento e una spesa certificata del 22 per cento; l' asse Crescita digitale 32 milioni di dotazione, 38 per cento di impegni e 34 di spesa certificata; l' asse Competitività delle Pmi con dotazione di 85 milioni, 49 per cento di impegni e 27 di spesa; l' asse Energia sostenibile 56 milioni, 37 per cento di impegni e 24 di spesa; l' asse Ambiente e cultura 36 milioni, 44 per cento di impegni e 26 di spesa; l' asse Sviluppo urbano sostenibile 31 milioni, 29 per cento di impegni e 26 di spesa; l' asse Assistenza tecnica 14 milioni, 53 di impegno e 31 di spesa; l' asse Prevenzione sismica con 56 milioni di dotazione finanziaria aggiuntiva, ovviamente arrivata dopo il terremoto e quindi in ritardo, ha il 10 percento di impegno e quasi il 6 per cento di spesa certificata.

Perugia
20/01/2020 16:55
Redazione
Gubbio: stasera il Veglionissimo dei Santubaldari
Si svolgerà questa sera al Park Hotel ai Cappuccini il Veglionissimo dei Santubaldari. Fausto e la sua Band e Simon Dub ...
Leggi
Attesa per l'appuntamento musica di domani, domenica 26 gennaio con il "Sacred Concert" al teatro Ronconi di Gubbio
Domenica 26 Gennaio alle ore 18, al Teatro Comunale "Luca Ronconi" di Gubbio, la Perugia Big Band jazz orchestra dir. Ma...
Leggi
Gubbio domani l’evento internazionale "Leonardo The Immortal Light"
Domani presso la Biblioteca Sperelliana di Gubbio, si terrà la 21° tappa dell’ "International Committee Leonardo da Vinc...
Leggi
Gubbio: stasera si riunisce il Partito Democratico
Tornerà a riunirsi questa sera alle ore 21,00, presso la sede in Piazza Oderisi, il Partito Democratico di Gubbio per pr...
Leggi
Gubbio: non solo "Sera dei miracoli", sabato ultimo Open day dell'IIS Cassata Gattapone
Non ci sarà solo l`attesa "Sera dei miracoli" questa settimana a Gubbio per l`IIS Cassata-Gattapone. Sabato 25 gennaio, ...
Leggi
Lions Club Gubbio, donati pacchi alimentari nella parrocchia di Sant'Agostino
Il Lions club Gubbio ha presentato nella chiesa di Sant`Agostino una delle iniziative sposate da Lions: la donazione di ...
Leggi
Umbertide: scuola dell'infanzia “Marcella Monini”, domani la presentazione del progetto al Cinema Metropolis
Verrà presentato alla città, alla comunità scolastica e alle famiglie domani alle ore 18.00 presso il Cinema Metropolis ...
Leggi
Gubbio, Santantoniari in festa per l'investitura del capodieci 2020 Andrea Tomassini. Stasera a "Trg attualita'" alle 22.10
Come ogni 17 gennaio, giornata speciale a Gubbio per i ceraioli di Sant`Antonio in festa per un`intera giornata di celeb...
Leggi
Galleria Nazionale dell'Umbria: presentazione del catalogo "Il ritorno della Pala dei Decemviri di Pietro Perugino"
Sarà presentato venerdì 24 gennaio alle ore 17.30 presso la sala didattica 3 piano della Galleria Nazionale dell’Umbria ...
Leggi
Capitale della cultura: per il 2021 nessuna candidatura umbra. E se nel 2022 ci provasse Gubbio nel VI centenario della nascita di Federico da Montefeltro?
Non è passata inosservata l`assenza di città umbre tra le 41 candidate a Capitale della cultura per il 2021. Mentre Parm...
Leggi
Utenti online:      428


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv