Skin ADV

L’artista Paride Bianco porta il Focus del suo operato artistico degli ultimi cinquant’anni in mostra a Gubbio

L'artista Paride Bianco porta il Focus del suo operato artistico degli ultimi cinquan'anni in mostra a Gubbio. A Palazzo del Bargello la personale del pittore veneto, in mostra fino a fine settembre.

Mezzo secolo di carriera è indubbiamente un traguardo di straordinaria soddisfazione per ogni professionista, a maggior ragione per un artista, un pittore, che celebra ogni giorno attraverso le sue opere, un amore continuo e perenne per la sua missione. Così Paride Bianco, con la mostra FOCUS 1968-2018 porta a Gubbio un excursus completo della sua produzione degli ultimi cinquant’anni. La mostra voluta dall’Associazione Culturale La Medusa, patrocinata tra gli altri, dal Comune di Gubbio, sarà inaugurata sabato 8 settembre alle ore 11.30 alla Galleria d’Arte Contemporanea di Palazzo del Bargello. Paride Bianco nasce a Martellago (VE), dove la famiglia sfollata trova rifugio dalla guerra. È discendente per linea materna da Domenico Zampieri, detto il Domenichino ed è riconosciuto grande erede della tradizione coloristica veneta. Nasce “artisticamente” a Milano, dove disegna e dipinge fin da giovanissimo guardando i musei, la Biennali, le gallerie storiche. Ma la famiglia è bisognosa, dunque Paride deve pensare a lavorare, ben presto abbandona perciò l’idea di studiare pittura, per la frequenza di un istituto tecnico. Isolato dagli ambienti deputati, studia e dipinge nella soffitta della casa di Mestre, dove la famiglia è ritornata dopo la guerra. Si forma da autodidatta, nella Venezia di Novati, Seibezzi, Guidi, Gianquinto, Borsato, ma guarda ad Armando Pizzinato, di cui condivide l’idea politica, lo studio dei segni e il concetto di rapporto artista-tempo. Cresciuto nello spirito sessantottino a vocazione antiaccademica, Paride studia la storia dell’arte, l’anatomia artistica, si confronta con altri giovani artisti e tenta una prima esperienza in linea con lo spazialismo, nella sua prima mostra di disegni a china alla Galleria “La Torre” di Mestre (1968), il cui originale de “Dietro un recinto” è conservato nella documentazione dell’A.S.A.C (Archivio storico delle arti contemporanee della Biennale di Venezia). L’incontro con il gallerista Graziani è determinante, poiché vede in lui un potenziale grande colorista e lo incita a seguire la sua strada. Nel 1970 sposa Giuliana Donzello, che gli dà una figlia, e la cui figura diventerà fondamentale per il suo futuro d’artista. Inizia il periodo della neofigurazione e dell’espressionismo astratto con prestiti baconiani che apre alle mostre della Galleria Bevilacqua La Masa” di Venezia. Nel 1971 ottiene il premio acquisto del Comune di Venezia per l’opera “Uomo della borghesia”, oggi alla Galleria d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, mentre opere analoghe, come il “Don Chisciotte” e “Agosto a Roma” entrano a far parte di collezioni private. Un secondo evento importante è la frequentazione di Milano e dei galleristi Fumagalli, Schwarz e Gianferrari. ai quali porta i quadri in visione. Lawrence Johns e Maurizio Scudiero riconoscono in lui l’erede delle emozioni di Boccioni e di Kandinskji , vicino alle  creazioni di Depero, e assai di più al linguaggio compositivo del Severini della serie “Il boulevard”. Paride si immerge completamente nel colore, studia i metodi per fabbricarli, mesticare le tele, usare le colle vegetali come la resina di pino o la lacca sciolta in alcool. Inizia a studiare Arnheim e Merleau-Ponty, ma anche i grandi filosofi del linguaggio, da Benjamin a Popper, ma è di Benveniste per il quale “la realtà di un oggetto non è separabile dal metodo impiegato a definirlo” la porta che apre alla stagione dell’Ostatismo, imperniata sulla verifica della possibilità espressive del calco. Tutta la ricerca di Paride Bianco si può datare dalla visita alla Guggenheim negli Anni Settanta, dov’erano esposte “La vestizione della sposa” e “L’antipapa” di Max Ernst. A differenza di M Ernst, la cui ricerca del frottage è su come evitare l’applicazione diretta del colore e con quali mezzi ottenere la forma o l’oggetto pittorico da materiale estraneo, Paride utilizza un bassorilievo, lo organizza in funzione di una visione che risponda alla sua necessità compositiva. Non vi è nulla di occasionale o di metaforico: la superficie del calco è progettata per ottenere un risultato che accolga il fondamento dell’opera, lasciando al colore il riscatto delle emozioni e del dialogo. Come ebbe a scrivere Lawrence Johns (2001), “le emozioni potenti e spesso sconosciute, generate dalla serie dei “Sogni della Madre Terra” possono essere soddisfacentemente capite permettendo alle immagini astratte di lavorare sull’inconscio. Queste sensibilità complicate sembrano essere simultaneamente nuove e vecchie, moderne e primitive, ma non vediamo archetipi di Jung, nessun simbolismo di Freud. E la “madre” del titolo? è Gaia, la Madre Terra, e questi sono i suoi sogni”. La mostra “Focus”, di Paride Bianco sarà aperta al pubblico fino al 30 settembre.

Gubbio/Gualdo Tadino
05/09/2018 18:31
Redazione
Gubbio: 'Conoscere il cammino di Sant'Ubaldo', oltre 70 partecipanti alla nuova tappa dalla Basilica a Valdorbia
Erano oltre 70 i partecipanti domenica mattina alla nuova tappa di “Conoscere il cammino di Sant’Ubaldo verso l’eremo di...
Leggi
GAL: incentivi alla partecipazione alla fiera a Torino “Terra Madre Salone del Gusto”
Il GAL Alta Umbria ha di nuovo rivolto un invito alle imprese del settore agroalimentare interessate a partecipare a “Te...
Leggi
Gubbio: “In Amore di Sant'Ubaldo”, stasera concerto spirituale del Coro Cantores Beati Ubaldi
Torna stasera il concerto “In Amore di Sant`Ubaldo”, organizzato dal coro Cantores Beati Ubaldi a conclusione della Comp...
Leggi
Gubbio: la comunità Fornacette stasera festeggia i primi 15 anni di attività
Appuntamento stasera venerdi` 7 Settembre dalle ore  20:30 la  comunità` Fornacette, servizio afferente al centro di sal...
Leggi
Gubbio: servizio trasporto scolastico da lunedì 10 settembre
In vista dell`inizio dell`anno scolastico 2018/2019 l`amministrazione comunale darà inizio al servizio di trasporto scol...
Leggi
Escursione ‘CAI’ sezione Gubbio domenica 9 settembre
La sezione di Gubbio del CAI - Club Alpino Italiano organizza per domenica 9 settembre un’escursione al monte Pozzoni o ...
Leggi
Gubbio, parla il difensore Paolelli: "Vogliamo dimenticare il trend dello scorso anno, fondamentale sarà l'approccio per riportare entusiasmo"
Serie C in primo piano con il Gubbio che ha svolto una doppia seduta: sabato sarà la giornata decisiva per la composizio...
Leggi
Gualdo T.: in attesa dell’avvio dell’anno scolastico il Vice Sindaco Sabbatini fa il punto
In attesa dell’imminente avvio del prossimo anno scolastico 2018-2019 l’Amministrazione Comunale ha tracciato un bilanci...
Leggi
Riapre la tratta nord della Ferrovia Centrale Umbra
Lunedì 10 settembre, in vista della imminente riapertura al traffico commerciale della tratta Città di Castello-Umbertid...
Leggi
Vetrina d'eccezione per il costumista gualdese Daniele Gelsi
Vetrina d`eccezione per il costumista gualdese Daniele Gelsi chiamato domenica scorsa con una delle sue creazioni ad apr...
Leggi
Utenti online:      434


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv