Skin ADV

Ristorazione, in Umbria oltre 500 milioni di perdite nel 2020

I dati del Centro Studi Fipe Confcommercio arrivano a certificare lo stato di enorme crisi che vive la ristorazione italiana, che in Umbria ha perso nel 2020 548.254.000 di euro di fatturato rispetto all'anno precedente.

I dati del Centro Studi Fipe Confcommercio arrivano a certificare lo stato di enorme crisi che vive la ristorazione italiana, che in Umbria ha perso nel 2020 548.254.000 di euro di fatturato rispetto all’anno precedente: l’1,5% dei quasi 38 miliardi di perdite a livello nazionale. “Il nostro settore, pur avendo dimostrato di poter lavorare in totale sicurezza, ha già pagato un prezzo altissimo”, dice il presidente di Fipe Umbria Confcommercio Romano Cardinali, interpretando la forte preoccupazione degli imprenditori anche in vista del preannunciato divieto di vendita d'asporto per i bar a partire dalle 18 per evitare gli assembramenti. “Ogni volta che si avvicina la scadenza delle misure restrittive, ne vengono annunciate di nuove e si riparte da zero. Non ne possiamo più! Non è più accettabile che i pubblici esercizi, insieme a pochi altri settori, siano i soli a farsi carico dell’azione di contrasto alla pandemia, che a noi sia richiesto un sacrificio sociale non giustificato dai dati e non accompagnato da adeguate e proporzionate misure compensative. Noi vogliamo fare la nostra parte, per uscire da questa crisi. Ma i dati parlano chiaro: le nostre imprese sono concretamente a rischio. Il danno economico è pesantissimo; la continua incertezza normativa non ci consente di lavorare con un minimo di programmazione. Siamo stremati e la situazione è estremamente confusa.Più che ulteriori restrizioni, servono subito misure aggiuntive in grado di dare certezza agli imprenditori e adeguato ristoro alle perdite economiche. Fipe-Confcommercio continuerà a lavorare incessantemente per ottenerle, garantendo nel frattempo ai propri imprenditori il massimo dell’ascolto e del supporto. Poiché la proviamo sulla nostra pelle, condividiamo la frustrazione e anche il senso di spaesamento di tanti colleghi esercenti, che hanno minacciato gesti di protesta radicali. Pensiamo però che violare la legge sia un grave errore, che può trasformarsi in un boomerang per l’intero settore. Come rappresentanza del settore più grande e diffusa in Umbria e nell’intero Paese, avvertiamo la responsabilità del ruolo che stiamo esercitando per difendere la categoria. Il settore è stremato, ma la legalità resta un prerequisito. Le proteste di queste ore sono segnale di grandissimo disagio e sconforto, ma non esporremmo mai i nostri associati, e i nostri clienti, a rischi anche di carattere penali. Continuiamo a lavorare per rappresentare con forza le nostre ragioni”.

Perugia
14/01/2021 14:00
Redazione
Sorgenti: portata in esubero. L'autunno - inverno 2020 fa segnare il record: in testa Scirca e Bagnara. Il VIDEO
L`inverno rimpingua le sorgenti umbre e fa segnare valori di portata superiori ai dati disponibili dal 2006 al 2019. Lo ...
Leggi
In corso la vaccinazione degli ospiti e del personale della RSA “Villa Fantozzi” di Spello
La Asl Umbria 2 ha reso noto che è stato avviato il piano delle vaccinazioni anti Covid-19 presso la RSA  ”Villa Fantozz...
Leggi
C.Castello: nove persone denunciate per l’ipotesi di reato di rissa
Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Città di Castello, hanno deferito in stato di libertà 9 persone del po...
Leggi
Alberghiero di Assisi, il 16 gennaio open day in presenza
Una giornata per scoprire l`Istituto Alberghiero di Assisi, che prosegue il proprio impegno nell’orientamento degli stud...
Leggi
Spoleto: operazione “Hiding in the woods”, misure cautelari a carico di 6 indagati per le ipotesi di reato di spaccio di sostanze stupefacenti
Si è conclusa con l’emissione di sei misure cautelari l’attività investigativa condotta dall’Aliquota Operativa del NOR ...
Leggi
Scuola umbra, altri 21 medici abilitati in Medicina Generale
Giovani e motivati. Sono i 21 dottori che hanno sostenuto in conference call l’esame finale per il Corso di Formazione S...
Leggi
Covid: meno guariti rispetto ai nuovi casi; 210 nuovi positivi altri 2 decessi
Aggiornamento Corona Virus. Altri 210 contagiati in Umbria nelle ultime 24 ore e su 2953 tamponi analizzati. Oggi si reg...
Leggi
Gubbio: l’anagrafe è online, arriva il portale dei servizi demografici
E’ online il portale dei servizi demografici del Comune di Gubbio, che consentirà ai cittadini e alle cittadine di acced...
Leggi
Report Legambiente Umbria, nel Comune di Umbertide il secondo miglior Ecosistema Urbano della regione
Il Comune di Umbertide, con un punteggio pari a 113,7, si classifica al secondo posto del primo Ecosistema Urbano region...
Leggi
Alla scoperta dell’Assisi medievale
“Assisi. Nuove scoperte, nuovi percorsi. I restauri dell’Oratorio di San Leonardo e gli scavi del palazzo vescovile: i r...
Leggi
Utenti online:      1.142


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv