Skin ADV

C.Castello: riconoscimento ufficiale del Comune a Pina Alberti

Per 40 anni maestra dell’eleganza con il suo atelier in centro storico.

La “regina” e imprenditrice della moda, dell’immagine e buone maniere: riconoscimento ufficiale del Comune di Città di Castello a Pina Alberti, 87 anni, per quasi 40, maestra dell’eleganza con il suo atelier in centro storico. E’ stata la prima a “vestire” Monica Bellucci nel 1983 per la sfilata di moda al teatro degli Illuminati che ha segnato poi il decollo della splendida attrice nel panorama mondiale fino a farne “icona” della moda, del cinema e della “bellezza” made in Italy. “Sono passati tanti anni ma ricordo tutto nei minimi particolari ed ancora mi commuovo” – precisa con il solito piglio ed eleganza, Cesidia Baldesi, ma per tutti nota come Pina Alberti, prima di ricevere dal sindaco, Luca Secondi, la targa celebrativa, proprio nella giornata simbolo dell’8 marzo. “Nella mia boutique, Monica Bellucci, giovanissima, che già avevo potuto apprezzare per la sua bellezza e talento, venne accompagnata dallo storico e bravo “parrucchiere”, Piero Montanucci, manifestando il desiderio di indossare abiti particolari e sfilare al teatro comunale di Citta’ di Castello nell’ambito di una riuscita manifestazione, “Momento Donna”, condotta da Maria Giovanna Elmi. Sul palco del teatro, Monica, bellissima, incantò tutti e da li spiccò il volo per il mondo, il successo.” “Di lei ho un ricordo stupendo perché in ogni occasione dove ho avuto l’onore di incontrarla, a Milano, Parigi, Roma, è sempre stata carina ed affettuosa con me dimostrando gratitudine e senso di appartenenza alla sua comunità, il suo territorio di provenienza. Lei oggi più che mai è il simbolo di quanto le donne sono straordinarie e riescono a raggiungere qualsiasi obiettivo: Monica poi ha un grande cuore e innata sensibilità”. Le foto degli anni ’80 che ritraggono Monica Bellucci nell’atelier in piazza Matteotti a Città di Castello, intenta a scegliere abiti di alta moda da indossare, “Pina”, le custodisce gelosamente fra i ricordi più cari. Almeno per una volta ha vestito nel suo atelier assieme alla sorella Tecla, i “sogni” di donne e uomini per quasi quaranta anni, dal ’60 fino al 2001, quando ha chiuso i battenti. Tanti i vip e i personaggi famosi, oltre a Monica Bellucci, fra cui Valeria Ciangottini, Sergio Endrigo, Giulio Bosetti, Carlo Fuscagni, Catherine Spaak. E poi, Alberto Burri, il più grande maestro di arte contemporanea, di “casa” da Pina Alberti assieme all’amico, braccio destro e sinistro nel suo cammino artistico, il Professor Nemo Sarteanesi. “Il maestro Burri era appassionato di camice scozzesi a quadri e di quelle prodotte da una nota “griffe” americana: “ricordo ancora oggi la sua felicità quando gli regalai una camicia rossa appena arrivata in negozio dagli Stati Uniti d’America. Burri come il maestro De Rigù con cui nel 1964 a Citta’ di Castello aprii il mio primo atelier in via Marconi e poi nel 1967 quello in piazza Matteotti, per me sono stati amici straordinari”. Se Città di Castello negli anni '70, ’80 e '90 ha avuto un ben definito ruolo nel commercio lo deve proprio anche a questa signora toscana, originaria di Monterchi, tifernate d’adizione (gli studi al Liceo Plinio il Giovane) con una laurea magistrale in tasca ma il desiderio di intraprendere l’avventura nella moda, che ha scelto il centro dell'Alto Tevere umbro per fare perno sulla sua professionalità. Nel giorno della Festa della Donna ecco che la comunità tifernate non si è dimenticata di lei. “A Pina Alberti, donna di spiccata personalità, riferimento autorevole nella moda e nel “bon ton” dei tifernati, ne ha segnato l’evoluzione del costume”, è questa la motivazione del riconoscimento ufficiale, impressa nella targa, che il sindaco Luca Secondi, affiancato dal vice-sindaco, Giuseppe Bernicchi e dagli assessori, Michela Botteghi, Benedetta Calagreti e dal Presidente del Consiglio Comunale, Luciano Bacchetta, ha consegnato a Pina Alberti al termine della sentita cerimonia alla presenza del figlio, Luigi Alberti (Anna Maria l’altra figlia), giornalista di lungo corso e del collega, Massimo Zangarelli, che ha coordinato l’incontro. “Un riconoscimento doveroso ad una donna di grande personalità e raffinato talento che ha segnato con la sua presenza nel suo atelier del centro storico per quasi 40 anni, la storia, i costumi ed il modo di vestire di intere generazioni. Un esempio da seguire che oggi trova la massima esaltazione nella giornata internazionale della donna. Grazie Pina e a tutte le donne”, hanno dichiarato il sindaco e gli assessori prima della tradizionale foto di rito che ha incorniciato una giornata memorabile.

Città di Castello/Umbertide
08/03/2023 13:10
Redazione
A Gubbio l'evento “La magia della Serie C”
Il 22 marzo 1998 il Gubbio calcio tornava in Serie C, chiamando a raccolta le migliori forze imprenditoriali della città...
Leggi
Domani la presentazione del restauro dell'affresco del Maestro della Croce al Museo Diocesano di Gubbio
Nella sala del Refettorio, presso il Museo Diocesano di Gubbio, domani alle ore 16, si terrà un incontro di grande rilie...
Leggi
Nocera Umbra: una comunità educante per potenziare l’Offerta Formativa e offrire opportunità agli allievi dell’Omnicomprensivo
Non si può più delegare l’istruzione e la formazione ad una scuola intesa come una monade, ovvero una struttura separata...
Leggi
8 marzo: Tesei, la Regione Umbria è al fianco delle donne
"Quando saremo rispettati, valutati, scelti al di là dell`essere donne o uomini, allora vorrà dire che avremo fatto quel...
Leggi
Furti e truffe negli ultimi mesi, arrestato ad Assisi
Gli agenti della polizia di Stato del commissariato di Assisi hanno dato esecuzione ad un`ordinanza di custodia cautelar...
Leggi
Sabato 11 marzo alla Rocca si apre la quarta edizione di Umbertid'Arte
Sarà una edizione da non perdere la numero quattro della mostra “Umbertid`Arte”. L`estro degli artisti umbertidesi è pro...
Leggi
Lutto nella comunità eugubina: è venuto a mancare Viero Farneti
Lutto e commozione in città, ed in particolare tra il popolo ceraiolo, per la scomparsa di Viero Farneti, clas...
Leggi
8 marzo, tra conquiste e una lunga strada ancora da compiere
“Il faticoso, lento, sudato ottenimento di diritti politici e sociali da parte delle donne – spiega il sindaco di Gubbio...
Leggi
Contessa, il sindaco convoca le attività commerciali
Sono state convocate a Palazzo Pretorio le associazioni di categoria, del commercio, dell’artigianato, degli agricoltori...
Leggi
Gubbio: Festa del Cross, come cambia la circolazione nel weekend
Fine settimana di grande sport in città: in programma l’11 e 12 marzo, sabato e domenica, c’è infatti la 4° edizione del...
Leggi
Utenti online:      244


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv