Skin ADV

Cento sentinelle contro la violenza sulle donne nelle scuole primarie pubbliche e paritarie di Città di Castello

Partiti ieri i corsi di formazione rivolti al personale docente che si svolgeranno per tutto il mese di giugno.

Nelle scuole primarie pubbliche e paritarie di Città di Castello ci saranno 100 sentinelle contro la violenza sulle donne: grazie alle conoscenze acquisite nei corsi di formazione che il Comune promuoverà a giugno in collaborazione con l’associazione Liberamente Donna, i docenti coinvolti nel progetto potranno riconoscere i segnali di disagio delle mamme e favorire l’emersione dei casi di violenza attraverso la consapevolezza dei servizi che sono a disposizione nel territorio. Non ci sono eguali in Umbria per l’esperienza partita ieri alla scuola primaria di San Filippo, dove si è tenuta la prima lezione del progetto di formazione rivolto alle insegnanti della scuola primaria del primo e secondo Circolo Didattico di Città di Castello e dell’Istituto Comprensivo Alberto Burri di Trestina, che è frutto del lavoro di confronto con le dirigenze scolastiche nei tavoli di monitoraggio che l’amministrazione comunale tifernate ha istituito a partire dal 25 novembre 2021 in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. L’intervento è finanziato dalla Regione Umbria e, in linea le indicazioni del “Piano nazionale per l’educazione al rispetto” del MIUR, si pone l’obiettivo di coinvolgere il mondo della scuola nelle azioni di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, offrire strumenti conoscitivi e di intervento, informare sui servizi che sono a disposizione nel territorio. “L’aumento dei casi di violenza sulle donne in Alta Valle del Tevere ci impone una riflessione e ci impone di agire, andando nelle scuole con un progetto che ha la finalità di sensibilizzare il corpo insegnante e prevenire questa terribile piaga attraverso la trasmissione degli strumenti conoscitivi e delle informazioni necessarie a chi è in prima linea, in un ambiente privilegiato per le relazioni sociali come quello educativo, da dove possono suonare i campanelli di allarme in grado di scongiurare nuovi drammi”, spiega l’assessore ai Servizi Educativi e alle Pari Opportunità Letizia Guerri, che ha partecipato al primo incontro formativo insieme alla responsabile comunale del Centro Anti Violenza di Città di Castello Lorenza Scateni, alla presenza del dirigente scolastico del primo e del secondo Circolo Didattico Simone Casucci, della vice dirigente Maria Grazia Bani e del gruppo di circa 20 insegnanti  dei plessi di Rignaldello e San Filippo con cui è partita l’esperienza. “Le situazioni con cui veniamo a contatto – prosegue Guerri - testimoniano che la violenza sulle donne è profondamente radicata nella nostra società e per questo abbiamo bisogno di una programmazione pluriennale degli investimenti, che metta a disposizione degli enti locali gli strumenti economici con cui affrontare una situazione che è sempre più preoccupante”. A guidare le docenti nella conoscenza della realtà della violenza sulle donne sono state Elena Bistocchi e Maria Luisa Favitta dell’associazione Liberamente Donna, che hanno spiegato quale ruolo possa interpretare la scuola nell’indispensabile compito di intercettare i segnali di possibili casi di maltrattamenti che possano emergere dalla relazione quotidiana con le mamme e aiutare chi si trovi in difficoltà a rivolgersi ai servizi che sono a disposizione nel territorio. I dati del Centro Antiviolenza Medusa di Città di Castello, il servizio che si rivolge agli utenti residenti nella Zona Sociale 1 dell’Alta Valle del Tevere (Citerna, Città di Castello, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino e Umbertide), sono purtroppo lo specchio di una situazione drammatica.  Da gennaio 2023 a oggi sono infatti 18 le donne prese in carico dal servizio che sono state avviate a percorsi di protezione e uscita dalle situazioni di violenza e sono 312 le chiamate ricevute dagli operatori, che hanno svolto 143 colloqui, 12 consulenze legali e 8 consulenze psicologiche. “L’entità dei dati dell’attività del CAV Medusa ha portato la Regione Umbria a raddoppiare l’investimento nell’intervento di sostegno al centro di ascolto di Città di Castello per il 2023”, evidenzia la responsabile del servizio Scateni, segnalando come “la formazione delle scuole sia uno degli ambiti di azione sostenuti dall’amministrazione regionale, insieme alla promoziona dell’autonomia economica delle donne in uscita da una situazione di violenza”. “Il percorso di formazione rivolto agli insegnanti delle scuole primarie parte da Città di Castello, che è capofila della Zona Sociale 1 – puntualizza Scateni - ma sarà allargato nell’ambito del triennio di programmazione dell’attività anche agli altri otto comuni dell’Alta Valle del Tevere”. Nel sottolineare l’interesse con cui il primo e secondo Circolo Didattico hanno accolto la proposta del Comune di Città di Castello, il dirigente Casucci richiama l’attenzione sul fatto che “gli insegnanti sono in prima linea e possono cogliere con uno sguardo, una confidenza, le situazioni di violenza che si annidano nelle famiglie”. “Ecco perché i nostri docenti possono diventare delle vere e proprie sentinelle sociali se dispongono degli strumenti conoscitivi e informativi necessari”, ha rimarcato Casucci, che ha espresso l’aspettativa di poter “ampliare la collaborazione con i Servizi Sociali del Comune, che nella quotidianità già ci affiancano in maniera davvero ottimale nella gestione di situazioni molto complesse”.

Città di Castello/Umbertide
06/06/2023 15:39
Redazione
“San Giustino Cardioprotetta”, inaugurato un nuovo defibrillatore alla scuola di Cospaia
È stato inaugurato ieri (lunedì 5 giugno) a San Giustino un nuovo defibrillatore pubblico presso la scuola di Cospaia. I...
Leggi
Prosegue a Gualdo Tadino la stagione Comìc Umbria
Prosegue a Gualdo Tadino la stagione Comìc Umbria che, dall’inizio nel mese di novembre, ad oggi ha portato in scena olt...
Leggi
Gualdo Tadino: cena raccolta fondi per l'acquisto di defibrillatore
Si terrà domenica prossima, a partire dalle ore 20.30, nel piazzale antistante il punto vendita Coop una cena di raccolt...
Leggi
Infiorate di Spello: annullo filatelico speciale di Poste Italiane
Come ogni anno, la mattina della domenica del Corpus Domini, sotto i portici del Palazzo comunale, di fronte al Museo de...
Leggi
Foligno: uomo si sdraia sui binari per telefonare e viene multato
A 38 anni si è sdraiato sui binari della stazione di Foligno mettendosi a parlare al telefono e per questo è stato multa...
Leggi
Sp 201, oltre 1milione di investimenti per la messa in sicurezza di quattro ponti nei comuni di Montone e Pietralunga
Sulla Sp 201/1 di Pietralunga partiranno a breve una serie di interventi riguardanti la messa in sicurezza di quattro po...
Leggi
La pioggia fa bene al Trasimeno, cresce il livello
La primavera particolarmente piovosa fa bene al lago Trasimeno che rispetto al settembre scorso ha guadagnato 60 centime...
Leggi
Ancora riconoscimenti per il ii circolo “G. Di Vittorio” di Umbertide
Aprirsi a una didattica innovativa basata su progettualità, formazione, scambio e collaborazione, in un contesto multicu...
Leggi
Aeroporto dell’Umbria: 9.630 passeggeri per il ponte del 2 giugno
Sono stati oltre 9mila i passeggeri transitati presso l’aeroporto internazionale dell’Umbria nei quattro giorni tra giov...
Leggi
Gualdo Tadino: domani in piazza per la sanità pubblica
Gualdo Tadino scende in piazza per la sanità pubblica: domani, mercoledì 7 giugno, alle ore 16, Cgil, Cisl e Uil organiz...
Leggi
Utenti online:      258


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv