Skin ADV

Gubbio, Colacem: i forni di Ghigiano si spengono per 4 mesi. Stop and go ciclico per evitare contraccolpi economici e di competitività legati alle nuove normative europee sulle emissioni di CO2

Gubbio, Colacem: i forni di Ghigiano si spengono per 4 mesi. Stop and go ciclico per evitare contraccolpi economici e di competitività legati alle nuove normative europee sulle emissioni di CO2.

E' un 18 agosto che segna una data importante per l'economia eugubina ed umbra. E' la data dalla quale lo storico impianto cementiero di Ghigiano di proprietà del colosso imprenditoriale Colacem, ha spento i propri forni. Una decisione sofferta ma definita inevitabile dal gruppo eugubino, che avrà durata 4 mesi, per poi riprendere per altri 2 e spegnersi nuovamente a marzo 2022 per altri 4 mesi.
Uno stop and go che ciclicamente andrà a ripetersi per evitare contraccolpi economici e di competitività legati alle nuove normative europee sulle emissioni di CO2, anidride carbonica. Le nuove regole tassano il consumo di combustibili di origine fossile - come il pet coke utilizzato nella cementeria di Ghigiano - imponendo, oltre un certo limite definito di quote di CO2, una serie di costi e di penalizzazioni che sul mercato rendono praticamente antieconomico produrre cemento. Almeno in Umbria.
Già, perchè la normativa europea consente di evitare l'addebito di quote CO2 su quegli impianti che utilizzano combustibili non convenzionali, meglio noti come CSS o combustibili solidi secondari. Il cui impiego alle cementerie di Gubbio è al centro di diatribe ormai da mesi con alcuni ambientalisti e il Sindaco di Gubbio Stirati. Morale: in quasi tutte le regioni italiane è previsto l'utilizzo di CSS come da normativa europea e ora anche italiana. Ad esempio, a meno di 100 km da Gubbio, nell'Aretino, la stessa Colacem utilizza CSS nell'impianto di Rassina, scelta fortemente sostenuta dalla stessa Regione Toscana. Naturale che l'impresa debba fare i conti con la propria sostenibilità economica, dirottando parte della produzione dall'impianto storico - ma tecnologicamente avanzato - di Ghigiano, in altri impianti, a partire proprio da quello vicino Arezzo. Il risultato di quella che appare come una normale scelta industriale, è invece pesante sul territorio: non solo in termini di cassa integrazione per parte dei dipendenti del gruppo eugubino, ma soprattutto per il crollo verticale nel fatturato di numerose aziende dell'indotto sul comprensorio di Gubbio, che non possono spostare la propria attività in altre regioni. In questo contesto il ritorno dalle vacanze per i vertici di Regione e Comune di Gubbio sarà probabilmente caratterizzato da nuovi incontri - l'ultimo si è svolto il 3 agosto scorso - per uscire da una situazione di impasse molto preoccupante. Stirati ripete il mantra dell'ecodistretto dove però non si affrontano temi come la sostenibilità da conciliare con l'impresa e il lavoro. E la Regione chiede lumi a Palazzo Pretorio perchè vede sul tavolo i dati ufficiali di Arpa che parlano dell'aria di Gubbio come di una delle più pulite in Umbria. Le norme europee e da ultimo, il decreto Cingolani parlano chiaro: il futuro dei combustibili fossili è destinato a ridursi sempre di più, chi vorrà alimentare impianti energivori come le cementerie dovrà farlo con combustibili meno impattanti come il CSS. Mentre il dibattito campeggia, i forni di Ghigiano si sono spenti. E per l'economia di Gubbio non è una buona notizia.

Gubbio/Gualdo Tadino
19/08/2021 10:58
Redazione
Sabato 28 agosto alla Ghea l’incontro Acli che anticipa “La Giornata per la Custodia del Creato”
Sabato 28 agosto dalle ore 16,30 presso il Santuario della Madonna della Ghea nella frazione di Purello di Fossato di Vi...
Leggi
Domani inaugurazione del 'GUBBIO D.O.C. FEST 2021'
GUBBIO D.O.C. FEST 2021. Incontro di inaugurazione “Sala Convegni” della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – Casa...
Leggi
In Umbria le imprese attive impegnate in filiera sono 61.329, il 77% del sistema imprenditoriale regionale
Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria: ”Più di 3 imprese umbre su 4 operano all’interno di...
Leggi
San Giustino: la ballerina 19enne Angelica Bistarelli firma il contratto con il prestigioso Saarländisches Staatstheater a Saarbrücken, realizzando il suo sogno
Ballerina “prodigio” dall’altotevere alla Germania prima si laurea a Dresda alla “Palucca” e poi firma un contratto con ...
Leggi
Serata di balletto e concerto blues al Teatro romano di Gubbio
Si avvia a conclusione la programmazione estiva al Teatro romano di Gubbio. Per sabato 21 agosto è previsto "Galà delle ...
Leggi
Volley, Francesco Moretti si dimette da allenatore della Ermgroup Pallavolo San Giustino.
Con una decisione a sorpresa, Francesco Moretti ha rassegnato le proprie dimissioni da allenatore della ErmGroup Pallavo...
Leggi
La cantautrice umbra Sara Marini vince la 15esima edizione del premio Botteghe d'Autore ad Albanella
La cantautrice eugubina Sara Marini ha vinto la 15esima edizione del premio Botteghe d`Autore di Albanella (SA), festiva...
Leggi
A Foligno il primo festival nazionale del teatro amatoriale
Saranno sei le compagnie teatrali che parteciperanno al primo festival nazionale di teatro amatoriale "I Trinci - Città ...
Leggi
Scuola: per l'Umbria in arrivo 5 milioni per garantire l'avvio dell'anno scolastico "in sicurezza"
Per l` Umbria sono in arrivo 5 milioni 377.381,96 di euro per garantire l` avvio dell` anno scolastico 2021-2022 "in sic...
Leggi
Assessore Umbria, tessera sanitaria per prevenire la ludopatia
Per arginare il fenomeno della dipendenza dal gioco d` azzardo, l`assessore alla Sanità della Regione Umbria Luca Colett...
Leggi
Utenti online:      588


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv