Skin ADV

Elezioni politiche, l'analisi del flop del PD in Umbria: solo in 3 comuni su 92 cresce. Voragini a Terni, Umbertide, Gubbio e Narni

Elezioni politiche, l'analisi del flop del PD in Umbria nello studio di Mediacom social di Giuseppe Castellini: solo in 3 comuni su 92 cresce. Voragini a Terni, Umbertide, Gubbio e Narni. In 10 anni dimezzati i voti.

Sono solo 3 su 92 i comuni umbri in cui il Pd,  nelle elezioni politiche del 4 marzo 2018, aumenta i suoi voti rispetto alle precedenti elezioni del 2013. E nel confronto con l'ultimo decennio il trend è impietoso, -50% in Umbria per il Partito Democratico; i dati sono elaborati dall'agenzia Mediacom 043 nella sezione social, dal direttoire Giuseppe Castellini che commenta: "Quello che emerge da questa indagine a livello di municipi è che la crisi del Pd, in Italia e ancora di più in Umbria, è strutturale e non congiunturale. In dieci anni le perdite di voti sono infatti impressionanti e hanno già profondamente cambiato la faccia politica dell’Umbria. Una crisi profondissima determinata da un fortissimo desiderio di cambiamento che emerge dovunque e che il Pd non riesce in alcun modo a intercettare e anzi ne è la principale vittima, insieme peraltro ad altre forze della sinistra. Forza centrale dell’Umbria per tutto il secondo dopoguerra - conclude Castellini - il centrosinistra sembra incapace di interpretare la nuova fase ed è prevedibile che, a parte qualche caso, anche le prossime elezioni amministrative determineranno grandi cambiamenti nelle amministrazioni comunali, restringendo ancora quelle governate dal Pd".

Gli unici tre comuni in cui il PD è cresciuto nel voto di una settimana fa sono quelli di Sellano (+29,2%), Cascia (+9%) e Scheggino (+1,6%). In un municipio (Monteleone di Spoleto) resta invariato e negli altri 88 presenta decrementi, in molti casi pesanti. Il comune in cui perde più consensi è il minuscolo Poggiodomo (52,4%). Subito sopra Scheggia e Pascelupo (-47,6%), Montefranco (-46,6%), Lisciano Niccone (-42,5%). I dati più significativi riguardano tuttavia i comuni sopra i 10mila abitanti e in tutti il Pd mostra decrementi significativi: dove va peggio è a Umbertide (-39,5%), patria del non rieletto senatore Giampiero Giulietti. Molto male anche Terni (-38,8%), che vive una delicatissima situazione economica e istituzionale e dove i dem lasciano sul campo in queste elezioni ben 8mila 348 voti. Rispetto a Terni fa meglio Perugia, che pure registra un pesante arretramento, che si ferma però a -22,7%, 16 punti percentuali meglio di Terni. Crolli anche a Gubbio (-35%) e Narni (-33,1%). Il comune sopra 10mila abitanti in cui il Pd perde meno è Assisi, dove in termini di voti arretra del 12,3%.

A livello di territori aggregati, in provincia di Perugia il Pd scende da 124mila 264 a 93mila 009 voti (-31mila 225, 25,7%), in quella di Terni arretra invece del 33,7%, passando da 44mila 556 a 29mila 527 voti (-15mila 029).

A livello complessivo di regione, senza considerare il riparto dei voti dati dagli elettori ai soli candidati all’uninominale del centrosinistra senza barrare alcuna lista collegata, il Pd scende dai 168mila 820 voti delle elezioni del 2013 ai 122mila 266 di quelle del 2018, perdendo 46mila 554 consensi, con un arretramento del 27,6%.

Situazione ancora più drammatica se si fanno i confronti tra i voti ottenuti dai dem nelle elezioni politiche del 2008 (era segretario Walter Veltroni) con quelle del 2018 (segretario Matteo Renzi). Il Pd perde in Umbria il 51,1% dei consensi, passando da 250mila a 122mila 266 (-127mila 734 voti). In provincia di Perugia perde il 49,1% del proprio bottino elettorale (-89mila 673 voti), mentre in provincia di Terni l’arretramento arriva al 56,1% (-37mila 791 voti). Una voragine, un vero tsunami che dimostra come la crisi del Pd sia strutturale, non congiunturale, tanto che in termini di voti ha perso più nelle elezioni del 2013 (segretario Pierluigi Bersani) che in queste. Un declino che appare insomma inesorabile e che ha profondamente cambiato il volto politico dell’Umbria.

Tra i comuni sopra i 10mila abitanti, nel confronto tra 2008 e 2018 il peggio messo è Terni, dove i dem perdono il 59,5% dei consensi (gli è rimasto insomma il 40,5% dei voti che il Pd aveva nel 2008). Ma è tsunami anche a Gubbio (58,7%), Spoleto (-54,3%), Umbertide (-53,8%) e Narni (-53,7%). Anche in questo caso il botto a Perugia è molto pesante (-47,2%), ma decisamente meno forte rispetto a Terni. Da rilevare che in tutti i comuni umbri, grandi o piccoli che siano, il Pd arretra pesantemente nell’ultimo decennio. Basti pensare che il risultato migliore lo ottiene a Sellano, dove arretra comunque del 31,7% tra il 2008 e il 2018.

Tra le elezioni politiche del 2008 (le prime cui partecipò il neonato PD) e quelle del 2018 il calo maggiore tra i comuni umbri sopra i 10mila abitanti lo evidenzia, lo si è già rilevato, Umbertide (-39,5%). Subito sopra c’è Terni con 38,8%. La terza piazza peggiore è appannaggio di Gubbio (-35%).Molto male anche Narni (-33,1%) e Marsciano (-29,4%, come pure San Giustino (-29,4%). Pesante anche il dato di Todi (-29,1%). Quindi Orvieto (-27,6%), Spoleto (-25,4%), Magione (-23,8%), Città di Castello (-23,4%), Gualdo Tadino (-23%). Ci sono poi Perugia (-22,7%), Foligno (-22,6%), Bastia Umbra (-22%), Castiglione del Lago (-22%). Sotto una caduta del 20% solo Corciano (-18%) ed Assisi, il comune umbro sopra i 10mila abitanti dove il Pd perde meno (-12,3%).

Come si può notare, nei comuni umbri più grandi non c’è un solo segno più. E ciò quando, tra questa primavera e quella del 2019, si andrà al voto comunale in non pochi di questi municipi. Molte sconfitte dei sindaci Pd sono, ad oggi, probabili. Mentre a Perugia il sindaco Romizi a questo punto allarga il vantaggio. A Terni si prepara una batosta, soprattutto se il candidato del Pd sarà scelto in base a logiche interne e non sarà una figura davvero nuova e capace, capace di interpretare la fortissima voglia di cambiamento espressa dai cittadini. Se il candidato a sindac sarà uno dei capobastone del Pd ternano, vorrà dire che i dem si preparano a una sconfitta e cercheranno solo di limitare i danni.

Ma l'analisi è ancora più spietata se si considera che in molti comuni umbri - nei quali si vota tra un anno per le amministrative - il PD è ora non solo superato dal M5S ma addirittura terzo.

Come detto, è drammatico per il centrosinistra il bilancio a livello di coalizione che emerge dalle elezioni politiche del 2018. Il centrosinistra, infatti, è primo solo in 13 comuni (ce ne è solo uno sopera i 10mila abitanti, Castiglione del Lago) su 92, è al terzo posto in ben 49 comuni ed è secondo negli altri 30.

Questi i 13 comuni umbri dove il centrosinistra si è piazzato primo: Castiglione del Lago, Città della Pieve, Paciano, Panicale, Piegaro, Cerreto di Spoleto, Montone, Poggiodomo, Scheggino, Umbertide, Allerona, Montegabbione, Parrano.

Questi i 49 municipi in cui il centrosinistra è arrivato terzo, dietro coalizione di centrodestra e Movimento Cinque Stelle: Bettona, Collazzone, Deruta, Torgiano, Assisi, Bastia Umbra, Cannara, Foligno, Fossato di Vico, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Gualdo Tadino, Lisciano Niccone, Montefalco, Nocera Umbra, Pietralunga, Norcia, Sant’Anatolia di Narco, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Spello, Trevi, Valfabbrica, Acquasparta, Alviano, Amelia, Attigliano, Avigliano, Calvi dell’Umbria, Castel Ritaldi, Castel Viscardo, Ferentillo, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Montecastrilli, Montecchio, Montefranco, Otricoli, Penna in Teverina, Porano, San Gemini, Spoleto, Stroncone, Terni.

Nei rimanenti 30 comuni il centrosinistra è arrivato secondo.

Perugia
12/03/2018 08:22
Redazione
‘Premio Bandiera’ di Gubbio: Insinna mattatore, applausi al Cardinale Lajolo
C`era il grande pubblico sabato alla Sala Trecentesca di Palazzo Pretorio a Gubbio, per la cerimonia di assegnazione del...
Leggi
Gubbio: presentata ieri sera la guida ‘La via di Francesco', gremita la sala refettorio della Misericordia
Era gremita in ogni ordine e posto ieri sera la sala refettorio della Chiesa della Misericordia a Gubbio per la presenta...
Leggi
"Francesco, il ribelle": presentato il nuovo libro di padre Enzo Fortunato alla Basilica di Assisi
"Francesco, il ribelle": un pubblico numerosissimo ha partecipato alla presentazione del nuovo libro di padre Enzo Fortu...
Leggi
Domenica 18 marzo assemblea annuale Associazione "Gli Amici del Cuore"
Domenica 18 marzo, presso il ristorante Catignano - frazione San Marco - Gubbio, si terrà l`assemblea annuale degli iscr...
Leggi
Gubbio: domenica prossima presentazione delle otto tavolette di Taddeo di Bartolo a Palazzo Ducale
Il sindaco Filippo Mario Stirati parteciperà domenica prossima 18 marzo alle ore 17 alla cerimonia presso il Palazzo Duc...
Leggi
La donazione di midollo osseo per "completare il puzzle della vita": al Centro servizi S.Spirito di Gubbio convegno di Croce Rossa, Comitato Chianelli e Admo con il prof, Martelli
"Insieme possiamo completare il puzzle della vita": era il titolo del convegno che si è tenuto al Centro Servizi Santo S...
Leggi
Festa del Cross a Gubbio: spettacolare cerimonia di apertura. Oggi le gare con 20 titoli nazionali in palio al Teatro Romano
Una festa per oltre 2000 atleti di tutta Italia. Cerimonia di apertura in grande stile ieri sera a Gubbio per la Festa d...
Leggi
Il Perugia non si ferma: c'e' anche la firma di Diamanti nel 2-0 al Foggia, grifoni a 43 punti
Il Perugia non si ferma più: quarta vittoria di fila al Curi contro il Foggia di Stroppa. Finisce 2-0, dopo un primo tem...
Leggi
"Vogliamo essere protagonisti in Umbria": parlano i parlamentari neoeletti della Lega
“L`Umbria ha bisogno di risposte e noi non vediamo l`ora di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale. Dedizion...
Leggi
Ultimo weekend per Expo Casa: tanti eventi a Piazza Tecla
Expo Casa sta per finire. A Umbriafiere è ancora possibile visitare l’esposizione, con i suoi 24.000 metri quadrati, 8 s...
Leggi
Utenti online:      327


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv