Skin ADV

Perugia: si è riunita la Commissione antimafia

Perugia: si è riunita la Commissione antimafia, audizione dell' ex presidente Leonelli.

Aggiornamento e messa a punto degli strumenti operativi e normativi, quali l' Osservatorio regionale e la proposta di legge della decima legislatura, conoscenza e valutazione dell' attività svolta in passato dalla Commissione, avvio programmato dell' attività di confronto con i soggetti istituzionali, sociali ed economici per rendere più efficace e incisiva l' azione dell' organismo di inchiesta sono stati i temi al centro della riunione odierna della Commissione d' inchiesta "Analisi e studi su criminalità organizzata ed infiltrazioni mafiose, corruzione, riciclaggio, narcotraffico e spaccio di stupefacenti" presieduta da Eugenio Rondini (Lega). Il quale che a margine della riunione - riferisce Palazzo Cesaroni - ha spiegato l' obiettivo di fondo della prima fase delle attività: "revisione, aggiornamento e strutturazione degli strumenti a disposizione: Osservatorio regionale; proposta di legge regionale per la prevenzione e il contrasto delle attività criminali e mafiose; Comitato tecnico scientifico per la sicurezza e la vivibilità". "L'azione della Commissione - ha detto Rondini - dovrà essere caratterizzata da efficacia e concretezza, capacità di ascolto, forte iniziativa di informazione e conoscenza". Nel corso della riunione è stato ascoltato in audizione Giacomo Leonelli (ex consigliere regionale del Pd), in qualità di ultimo presidente dell' organismo, che ha spiegato come "l' azione della Commissione malgrado sia stata limitata per le ridotte competenze e funzioni in capo a questi organismi regionali, ha tuttavia prodotto due atti normativi unitari, il primo attuato con la riattivazione e puntuale definizione dell'attività dell' Osservatorio regionale sulla criminalità organizzata che comprende rappresentanze di associazioni e soggetti interessati, parti sociali ed economiche". L' altro atto normativo "rimasto soltanto a livello di proposta di legge che - ha avvertito Leonelli - aveva l' ambizione di trovare un equilibrio tra le molte competenze dello Stato centrale e le scarse della Regione per elaborare un testo efficace, con proposte incisive, efficaci e attuabili e, a suo giudizio, riproponibili dopo un necessario adeguamento alle nuove problematiche socio-economiche". Un'operazione "indispensabile per fronteggiare efficacemente mafia e criminalità organizzata", definiti daLeonelli "mostri mutanti" che adeguano cioè le loro strategie con grande opportunismo in relazione all' evolversi delle dinamiche sociali. In questo senso Leonelli ha individuato questo come elemento primario di rischio per Umbria che, indebolita economicamente anche in conseguenza della crisi sanitaria, potrebbe costituire un contesto favorevole per attività di riciclaggio e usura. Leonelli ha poi sottolineato che la Commissione svolgerà una buona funzione se verrà percepita come una sorta faro puntato sul fenomeno, rendendo difficile perciò l' azione delle mafie che hanno bisogno di "discrezione": grande attenzione quindi all' attività di conoscenza e informazione svolta dall' organismo in primo luogo nei confronti delle scuole. Importante è stata inoltre definita la partita "audizioni", per tastare il fenomeno con gli attori diretti. E rispetto a ciò Leonelli ha rilevato che tra i soggetti istituzionali invitati alcuni sono stati "molto meno disponibili di altri e non erano certo le amministrazioni locali". Rispetto a ciò occorre ridefinire e riarticolare meglio tale "decisivo" strumento. Sulle tossicodipendenze, da ultimo, l' ex presidente ha spiegato che si è lavorato più con attività di analisi e valutazione, con un report del 2008, che non sul piano della proposta di interventi. Secondo Fabio Paparelli (Pd) "occorre mettere a punto gli strumenti a disposizione della Commissione, in primo luogo l'Osservatorio. Rispetto alla passata attività della Commissione bisogna fare di più anche perché incalzati da nuove emergenze e problematiche". In particolare, secondo l' esponente Pd, occorre focalizzare sul nuovo scenario prodotto da emergenza Covid-19. Paparelli ritiene poi utile lavorare alla predisposizione di uno strumento legislativo integrato, un testo unico che metta insieme e integri le norme utili alla prevenzione e al contrasto delle attività mafiose, in materia di appalti, commercio e attività imprenditoriali. Paparelli ha infine proposto che la Commissione umbra si impegni per realizzare una rete di relazioni organiche con gli altri organismi d' inchiesta diventando punto di riferimento di tale azione. Nel suo intervento la consigliera Simona Meloni (Pd-vicepresidentedella Commissione) ha insistito sulla necessità di iniziative pubbliche tese a costruire una forte cultura della legalità nella società civile e in particolare nelle scuole. Anche Vincenzo Bianconi (Misto) ha sottolineato la necessità di rivedere e rimettere in moto gli strumenti, e aggiornare la situazione di contesto, come pure ha ravvisato l' esigenza di sostenere con informazioni e conoscenza il tessuto economico umbro, molto vulnerabile soprattutto in questa contingenza emergenziale. Dopo l' audizione di Leonelli la Commissione ha cominciato ad approfondire la proposta di legge scaturita in forma unitaria da parte di tutti i componenti della passata Commissione. I contenuti del testo sono stati illustrati da Lavinia Marri, esperta del Servizio legislativo che ne ha evidenziato i punti centrali delle attività di prevenzione e contrasto contenuti nel testo: gli accordi tra Regione ed enti pubblici in materia di giustizia e di contrasto alla criminalità; la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile nel mondo economico; la promozione della responsabilità sociale delle imprese, la certificazione di qualità e il rating di legalità; il recupero e l' utilizzo dei beni immobili confiscati o sequestrati. Prevista la promozione della legalità nei settori dell' autotrasporto e del facchinaggio; gli accordi per l' implementazione dell' attività ispettiva e di controllo; le norme per la legalità nel turismo, commercio e pubblici esercizi. Rispetto a questa proposta normativa, il segretario generale Juri Rosi ha sottolineato l' esigenza di rivederne i contenuti per aggiornarli e calibrarli alle mutate situazioni di contesto e al fine di rendere le norme più efficaci, incisive e aderenti alle competenze regionali in materia e in linea con la normativa nazionale.

Perugia
21/05/2020 16:56
Redazione
Gubbio: sindaco Stirati, misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica dal 22 al 24 maggio
Considerato che si rende necessario, in analogia a quanto sta avvenendo sull`intero territorio nazionale, intensificare ...
Leggi
Ad Assisi laurea magistrale in Planet life design: ne parla il prof. Paolo Belardi a "Trg Plus" , in replica alle 13.30
Nasce ad Assisi, dalla sinergia tra l`Università degli Studi di Perugia e quella della Campania `Luigi Vanvitelli` , il ...
Leggi
Gubbio, parola al presidente Notari sulla possibile ripartenza della C: "Salute messa in secondo piano. Questo non e' il calcio che mi piace, mediterò attentamente sul futuro"
Una decisione surreale. E` questa la linea di pensiero che scaturisce nel day after del consiglio federale di FIGC che h...
Leggi
Il Decreto Rilancio Sull'Umbria stimato da PD-M5S con i consiglieri Tommaso Bori e Thomas De Luca assieme al sottosegretario Laura Agea
Il decreto rilancio e il suo impatto sull`Umbria per fronteggiare l`emergenza Covid sia dal punto di vista sanitario che...
Leggi
Gualdo Tadino: “The Time Machine” in onda su “Koam Newsnow Tv” in quattro Stati americani
Tra le tante attività che hanno dovuto subire lo stop forzato della quarantena c’è stata la musica, la cui data di ripar...
Leggi
C.Castello: Fase 2, Bacchetta: "Autodisciplina migliore arma contro il virus. Si lavora al 2 giugno. Mascherine con logo della città realizzate da Genesi"
Coronavirus Fase Due. Giovedì 21 maggio 2020. Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: “Nella g...
Leggi
Su Trg torna stasera "Magazine" con Giuseppe Castellini: ospiti il presidente della Svimez, Adriano Giannola e l'assessore regionale Fioroni
Sono il Presidente della Svimez (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno), Adriano Giannola, e l’Ass...
Leggi
Bevagna: Fase 2, ripartono i lavori messi in cantiere dal Comune
Sono ripresi nel territorio di Bevagna i lavori messi in cantiere dall’Amministrazione comunale, fermi a causa dell’emer...
Leggi
Coldiretti Umbria, calendario venatorio: bene preadozione, in linea con le nostre richieste
È positiva la preadozione del calendario venatorio 2020-2021 da parte della Giunta Regionale, che prevede tra l’altro di...
Leggi
Assisi: il sindaco ha scritto al ministro Azzolina per “salvare” le scuole paritarie
Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha deciso di scrivere nei giorni scorsi al ministro della Pubblica Istruzione Luc...
Leggi
Utenti online:      173


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv