Skin ADV

Perugia: ancora tensione choc in carcere a Capanne, detenuto da fuoco al materasso in cella e quattro agenti finiscono in ospedale

Ancora altissima tensione nel carcere di Capanne, a Perugia, per la folle intemperanza di un detenuto straniero e, ancora una volta, a pagarne le conseguenze sono alcuni dei poliziotti in servizio e parte degli arredi interni alla struttura.

Ancora altissima tensione nel carcere di Capanne, a Perugia, per la folle intemperanza di un detenuto straniero e, ancora una volta, a pagarne le conseguenze sono alcuni dei poliziotti in servizio e parte degli arredi interni alla struttura. Come spiega Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: “Continua il massacro degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere perugino di Capanne. Ieri sera, verso le 18:00, si è reso protagonista di un grave evento critico un detenuto marocchino che, dopo essere stato sottoposto a sorveglianza speciale per tentativo suicidario, ha proditoriamente dato fuoco al materasso della propria cella per poi chiudersi in bagno. Il personale di Polizia è immediatamente intervenivo ma, con grande difficoltà per la non visibilità interna per l'enorme fumo nero che impediva l'identificazione della base dell'incendio, con l'ausilio di maschere e bombole.”

“Sono stati momenti ad altissima tensione”, prosegue il sindacalista. “Dopo dicei minuti, gli eroici Baschi Azzurri sono riusciti a tirare fuori dalla cella il detenuto e, contestualmente, ad evacuare la Sezione portando tutti i detenuti al passeggio. I detenuti, tutti, sono stati visitati e per fortuna non è stato riscontrato nulla di grave: 4 poliziotti, invece, sono stati condotti all'ospedale Silvestrini e sottoposti alle cure”.

Sono costanti e continui la riproposizione di gravi eventi critici in carcere”, conclude Bonino: “per questo, come SAPPE, chiediamo una ispezione ministeriale nel carcere di Capanne a Perugia che accerti le significative disfunzioni e inconvenienti che riflettono sulla sicurezza e sulla operatività della Casa Circondariale e del personale di Polizia Penitenziaria (che vi lavora con professionalità, abnegazione e umanità nonostante una grave carenza di organico ed una organizzazione del lavoro assolutamente precaria e fatiscente) ed assuma gli opportuni provvedimenti”. 

“La violenza e la tensione vissuta dai poliziotti in servizio nel carcere di Capanne a Perugia, sono gravissime: è inaccettabile gli agente di Polizia Penitenziaria debbano rischiare ogni giorno la propria incolumità ed essere soggetti ad aggressioni, intossicazioni e violenze solamente perché rappresentano lo Stato in un contesto nel quale la frangia violenta dei detenuti non ha alcuna remora a creare disordini, sommosse, eventi critici. Basta!”, denuncia il segretario generale del SAPPE Donato Capece. “E’ del tutto evidente che nelle carceri della Nazione e dell’Umbria in particolare serve, forte ed evidente, la presenza dello Stato, che non può tollerare questa diffusa impunità, e servono provvedimenti urgenti ed efficaci!”, prosegue il leader del SAPPE, che rinnova l’appello ai vertici del DAP affinché creino le condizioni “per ristabilire ordine e sicurezza, attuando davvero quella tolleranza zero verso quei detenuti violenti che, anche in carcere, sono convinti di poter continuare a delinquere nella impunità assoluta!”. “Servono regole ferree per ristabilire ordine e sicurezza nelle carceri, attuando davvero quella tolleranza zero verso i detenuti violenti che, anche in carcere, sono convinti di poter continuare a delinquere nella impunità assoluta! Qui serve, forte ed evidente, la presenza dello Stato, che non può tollerare questa diffusa impunità, e servono provvedimenti urgenti ed efficaci!”, conclude Capece.

Perugia
30/04/2024 16:00
Redazione
Festa dei Ceri: domani il pranzo dei ceraioli anziani
Entra nel vivo la lunga vigilia della Festa dei Ceri, che domenica prossima vivrà il suo primo vero atto con la discesa ...
Leggi
Approvati otto interventi sulla ex ferrovia Spoleto-Norcia
Approvati dalla Conferenza dei servizi gli otto interventi sulla ex tratta ferroviaria Spoleto-Norcia, finanziati nell`a...
Leggi
Coldiretti, in Umbria milioni di euro di danni dai cinghiali
In Umbria con una popolazione stimata di circa 150mila cinghiali, la situazione "è drammatica sul fronte seminativi (spe...
Leggi
Cascia, record dei nuovi nati nel 2023: il Comune organizza una festa di benvenuto
Il Comune di Cascia ha festeggiato i nuovi nati nel 2023 e lo ha fatto organizzando una festa di benvenuto a dimostrazio...
Leggi
Ciclismo: per il Giro a Perugia chiuse scuole e 4 cimiteri
Scuole, università più quattro cimiteri chiusi il 10 maggio a Perugia, in occasione della settima tappa del Giro d`Itali...
Leggi
Gimbe, in Umbria +206% di pazienti assistiti a domicilio
L`Umbria nel 2023 ha raggiunto l`obiettivo legato alla missione Sanità del Pnrr dell`incremento di pazienti in assistenz...
Leggi
Giro d’Italia il 10 maggio ad Assisi, modifiche alla viabilità
Anche Assisi sarà protagonista del Giro d’Italia, 107esima edizione, e la comunità attende con entusiasmo l’arrivo dei 1...
Leggi
Trionfo di Costanza Laliscia nell’internazionale sui 120 km dei Pratoni del Vivaro a Roma
Prima brillante vittoria dell’anno per l’amazzone perugina Costanza Laliscia. La punta di diamante di Italia Endurance S...
Leggi
Gualdo Tadino: attività di controllo del territorio in occasione del fine settimana
Nell’ambito della consueta attività preventiva predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Gubbio, i Carabinieri della St...
Leggi
Serie C, ora è ufficiale: l'inizio dei playoff slitta a Martedi 7 Maggio
Serie C: ufficiale lo slittamento delle gare playoff, in programma inizialmente nella giornata di sabato 4 maggio, compl...
Leggi
Utenti online:      268


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv