Skin ADV

Trevi: inaugurato nel complesso di San Francesco il Polo culturale. Presente anche Vittorio Sgarbi

Trevi: inaugurato nel complesso di San Francesco il Polo culturale. Presente anche Vittorio Sgarbi.

“Il nostro Polo culturale è uno strumento con grandi potenzialità, la casa dell’identità culturale della nostra città, tra tesori e mirabilia. Una fucina di idee e progetti per la crescita umana e culturale dei cittadini trevani”. Con queste parole, il sindaco Bernardino Sperandio ha inaugurato, giovedì 5 gennaio, nel complesso dell’ex convento di san Francesco, il Polo culturale della Città di Trevi. Alla cerimonia, che si è tenuta all’interno della chiesa monumentale, oltre al sindaco Sperandio, hanno partecipato anche Donatella Tesei, presidente della Regione Umbra, e lo storico dell’arte Vittorio Sgarbi, sottosegretario alla Cultura, che ventisei anni fa partecipò all’apertura della raccolta d’arte. “È un luogo di meraviglia – ha commentato ancora Sperandio –, che crea idee nell’ambito di un preciso progetto culturale destinato ad accogliere i cittadini desiderosi di conoscere e confrontarsi sui vari temi del momento. Il Polo museale, nato dall’istituzione del museo civico 155 anni fa, deve essere un’istituzione che elabora e diffonde cultura, dando valore ai professionisti che vi operano”. Il complesso conventuale francescano, un tempo centro propulsore della vita spirituale del territorio e oggi finalmente visibile al pubblico nella sua interezza, dopo lunghi e laboriosi restauri, si è insomma trasformato in un centro culturale come risposta all’esigenza di una città che in questi ultimi anni ha puntato sulla conservazione e valorizzazione del proprio patrimonio culturale, aprendolo a un vasto pubblico che giunge sempre più numeroso e interessato a Trevi.

“Nel ritorno a Trevi – ha commentato Sgarbi – la cosa che mi ha toccato di più, come non sarebbe stato venticinque anni fa quando vidi inaugurare questo museo, è l’integrità del paesaggio olivato. Qui c’è un paradiso nella coscienza degli amministratori e nella beatitudine di chi viene a vedere un paesaggio integro e francescano. Da tempo c’è questa passione a Trevi. La passione di chi in un museo può affiancare Pinturicchio a Orbetto determina l’importanza di un museo che, senza finanziamenti particolari, è stato allargato alla parte paesistica, che è importante, e alla parte archeologica che non era allestita in questi termini. La natura e l’arte vivono insieme. Inaugurare un museo vuol dire celebrare un rito che riguarda il Creato e la creazione propria di Dio, gli artisti tengono in sé una parte divina che è di continuare la natura”.

La nuova strutturazione da conto delle tre anime del museo (biblioteca, archivio, raccolte archeologiche, artistiche e antropologiche) e ai diversi fondi e acquisizioni. Accanto alle raccolte museali si è, infatti, unito un patrimonio di conoscenze notevole, dall’archivio storico alla biblioteca, creando un unicum nel panorama delle istituzioni museali e dando vita alla nuova sigla Mab, acronimo di Museo Archivio e Biblioteca. La nuova veste del polo culturale del territorio trevano si può, quindi, riassumere in tre verbi: studiare (biblioteca), ricercare (archivio) e vedere (musei).

All’interno della struttura vi hanno così trovato sede singoli luoghi del sapere che verranno prossimamente presentati uno a uno: la biblioteca intitolata a Carlo Zenobi, la biblioteca dei ragazzi intitolata a Lucia Genga, la biblioteca Alberto Donati, la biblioteca Arusia, l’Archivio storico comunale, la biblioteca archivio Augusto Bartolini, le sedi delle associazioni culturali, la sala Digipass, una sala conferenze, il Museo della civiltà dell’ulivo e la Raccolta museale di san Francesco, con nuovi allestimenti e acquisizione di opere in comodato gratuito di Giovanni Chiaramonti, pittore post macchiaiolo di respiro europeo. Per quanto riguarda gli allestimenti, si è tenuto conto della fruibilità dell’offerta culturale inserendo sistemi multimediali, didascalie in italiano e in inglese, per trasmettere la memoria di una comunità che seppe accogliere nei secoli i linguaggi artistici più disparati, provenienti soprattutto da Roma.  Vi è rappresentata l’intera storia artistica di Trevi dal XIII al XX secolo.

Il nuovo itinerario del Polo museale comprende una sala multimediale per accogliere conferenze, proiezioni di video e documentari d’arte. Il percorso espositivo inizia, poi, dalla sezione archeologica, con un focus sui risultati degli ultimi scavi in località Pietrarossa, e prosegue nelle sale della pinacoteca. La raccolta dei dipinti dal XIV al XVII secolo continua nei piani superiori. Tra le opere d’arte si annoveravano, oltre ai capolavori del maestro del crocifisso di Trevi e del maestro di Fossa, un trittico e un polittico con le storie della vita di Cristo di Giovanni di Corraduccio, l’Incoronazione della Vergine di Giovanni di Pietro detto lo Spagna e una Madonna col bambino benedicente del Pinturicchio. Una raccolta di opere che spazia dalla pittura medievale e rinascimentale, fino ai più alti esiti del Seicento con la straordinaria personalità artistica di Alessandro Turchi detto l’Orbetto e di Ottavio Leoni, per giungere alle opere di Giovanni Chiaramonti, artista post macchiaiolo, definito il poeta della pittura dai suoi contemporanei.

Nel percorso di visita è stata inserita la sezione dedicata alla prima società tipografica documentata al mondo, nata a Trevi nel 1470. Dal primo piano si accede al loggiato superiore del chiostro e da questo alla chiesa, dove si conserva l’organo più antico d’Europa del Cinquecento. Nei piani terra e interrati è stato allestito il Museo della civiltà dell’ulivo, il primo a carattere pubblico in Europa. Una parte degli spazi del chiostro, al secondo piano, sono destinati alle mostre temporanee.

Foligno/Spoleto
06/01/2023 11:27
Redazione
Ceri 2023, Bellucci, Bocci, Brunetti. Ufficializzati i nomi dei candidati Capodieci per San Giorgio
Sono Euro Bellucci, Alessandro Bocci e Federico Brunetti i candidati Capodieci 2023 per il Cero di San Giorgio. I nomi s...
Leggi
Usl Umbria 1, inaugurata a Città della Pieve la prima Casa della Comunità
E` stata inaugurata a Città della Pieve la prima "Casa della comunità", delle 21 previste dal nuovo Piano sanitario regi...
Leggi
L'eugubino Matteo Passeri nella storia della Serie A: con 228 gettoni è l'assistente arbitrale con piu' presenze nella massima serie
Record assoluto. Con la designazione di Fiorentina-Monza, nella giornata che riapriva il campionato di Serie A dopo il l...
Leggi
Ruba in un negozio a Collestrada. Arrestato 24enne
Gli agenti della Polizia di Stato di Perugia, a seguito di segnalazione al Numero Unico di Emergenza Europeo, sono inter...
Leggi
La solidarietà che vince: 15mila euro raccolti con la maratona "12 ore per Melania"
La solidarietà di 227 donatori permette di raccogliere 15756 euro. Sono grati e commossi Erika Sannipoli e Mauro Barbacc...
Leggi
Sindaco di Foligno, vivere in serenità la giornata di Santa Angela
"Auguro a tutti i folignati di vivere nella serenità questa giornata particolarmente cara alla città, in cui ricorre la ...
Leggi
Gubbio: in arrivo il difensore Dutu, ai saluti il centrocampista Francofonte
Serie C: il Gubbio si allena in vista della prima del 2023, fissata per domenica alle 17.30 contro la Fermana al Barbett...
Leggi
Il ministro Zangrillo inizia un viaggio di ascolto nei territori, prima tappa lunedì a Perugia
Costruire un`Italia al servizio di cittadini e imprese, più semplice e più competitiva, attraverso l`ascolto e il confro...
Leggi
Bartoccini-Fortinfissi Perugia: da Porto Rico in regia arriva Raymariely Santos
Arriva dai Caraibi la nuova regista della Bartoccini-Fortinfissi Perugia, classe 1992 Raymariely Santos, con i suoi 183 ...
Leggi
Forte impatto con un cinghiale lungo la statale 685 della Valnerina, soccorsa una donna
Gli agenti della Polizia di Stato di Spoleto sono intervenuti per soccorrere una donna che, mentre era alla guida del pr...
Leggi
Utenti online:      231


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv