Skin ADV

Gubbio, Magi tira dritto: "Bel gioco? Contano i punti. Ci serve il tifo: se si critica e basta, giochiamo ogni domenica a porte chiuse"

Sport, calcio: Beppe Magi dopo il Ponsacco: "Gubbio poco bello? A me importa vincere, i punti fanno classifica. Il tifo ci serve ma non si puo' sempre essere scontenti. Chi vuole lottare con noi bene, altrimenti se ne puo' stare a casa".
Il passo falso contro il Gavorrano è messo alle spalle. Il Gubbio supera un Ponsacco decisamente ostico e ben messo in campo dall'ex Fiorentina Christian Amoroso e ruprende la marcia verso la vetta della classifica, pur dovendo fare i conti con l'amarezza di due vittorie, quella del Gavorrano prima della classe e Ghivizzano, arrivate proprio nei minuti finali delle rispettive sfide con Sangiovannese e Pianese, alle quali si aggiunge quella del Jolly Monemurlo in casa del Viareggio, con il solo Montecatini perdente in casa del Poggibonsi. La vittoria di ieri, favorita anche dall'espulsione del portiere Cirelli in occasione del rigore per fallo su Ferri Marini, non è arrivata per il bel gioco ma mister Magi precisa: “A me sinceramente non frega niente se non abbiamo giocato bene, magari così tutte le domeniche. L'importante è che vinciamo perchè questo ci obbliga a fare la classifica se vogliamo restare lassù e scalare posizioni. Ogni domenica mi sento dire il rovescio della medaglia: giochiamo bene ma non si vince, vinciamo ma abbiamo giocato male, e io ripeto la stessa cosa: serve equilibrio in tutto e oggi abbiamo trovato anche i tre punti quindi non serve sottolineare aspetti marginali al risultato. Oggi contro il Ponsacco non era facile ma i ragazzi hanno fatto una buona prova, mettendo veramente il cuore oltre l'ostacolo, questo mi serve da spunto per dire he c'è chi pensa a noi come una squadra che deve ammazzare questo campionato come se non avesse delle difficoltà. Noi invece ce le abbiamo eccome solo che bvogliamo tutti insieme cercare di superarle e per farlo serve remare tutti dalla stessa parte poi i conti si fanno alla fine. Ci aspettano 13 gare da qui al termine della stagione, il nostro obiettivo e cercare di arrivare più in cima possibile e per farlo posso assicurarlo che questi ragazzi sputeranno sangue per la causa. Chi vuole lottare con noi, soffrire, gioire e magari anche accettare quali sobno le difficoltà e i punti deboli della squadra le porte sono apertissime perchè abbiamo bisogno dei nostri tifosi, chi invece cerca di destabilizzare l'ambiente oppure arriva soo con fare critico al campo e in un certo senso spera pure che perdiamo è meglio che stia a casa, a quel punto meglio giocare a porte chiuse tutte le domeniche”. Dopo essersi sfogato, Magi torna sulla partita, spiegando anche l'avanzamento di Kalombo a mezzala con il conseguente arretramento di Bartoccini in difesa: “Ho Visto Cedrik in difficoltà sulla corsia mancina anche perchè il suo avversario aveva qualità notevoli nell'uno contro uno. Ho aspettato un po' sperando che riuscisse a prendergli le misure ma quando ho visto che non ci riusciva ho deciso di spostare Luca in difesa, alla fine abbiamo subito gol con un pallone che arrivava proprio da quella zona. Comunque oggi faccio un applauso a tutti anche perchè rispetto a Gavorrano abbiamo cambiato: ha esordito anche Di Maio che ha dimostrato di essere un giocatore importante, decisamente di categoria superiore che la dietro ci darà una grossa mano”. Magi ha temuto di poter non riuscire a vincere la partita? “Sicuramente quando vedi un gol annullato, che a mio avviso era regolare colpire una traversa, il portiere che compie due parate eccezzionali, il timore di non riuscire a vincere la contesa sale. La squadra però ha utilizzato la testa, rischiando pochissimo e soprattutto continuando a fare il suo senza innervosirsi, ma cercando asiduamente la via del gol mettendo tutto quello che avevamo in corpo”. Il gol finale lo ha siglato Crocetti, che dopo una prova incolore è entrato e ha tolto le castagne del fuoco, un segnale importante? “Anche qui dico che una settimana fa Crocetti era da mandare a casa , oggi invece lo si deve acclamare come salvatore della patria. Lorenzo è un giocatore che in questa categoria non si discute, ha avuto alcuni problemi fisici che sta risolvendo, e per me è un lusso disportre di un attaccante come lui alla pari di tutti i ragazzi che compongono un reparto d'attacco, il nostro, di prima scelta. Ora godiamoci questo successo, poi da martedì bisognerà pensare a come ripeterci contro la Pianese una squadra ch esattamente un girone fa arrivava al Barbetti come prima della classe e con tanto entusiasmo, oggi invece la ritroviamo nei play out. Sarà dura ma se non sbagliamo l'atteggiamento come oggi, posso dire che abbiamo buone chance di vincere”. In serata, Liborio Zuppardo è intervenuto come ospite alla trasmissione “Fuorigioco” parlando della gara con il Ponsacco: “Abbiamo vinto davvero con il cuore, siamo stati bravi a non disunirci contro una squadra formata da ragazzi soprattutto giovani ma con un passo e un'idea di gioco di categoria. Non avreno fatto un bel gioco ma sono d'accordo con il mister quando dice che a noi bastano i tre punti”. Una prestazione sfortunata la tua, bunissima partita ma gol negato per diverse vicissitudini, porta maledetta? “Che dire, oggi proprio la palla non voleva entrare. A mio avviso il primo gol era regolare anche perchè per come era messo il pallone e la zona dove arrivava il cross di Ferretti per me era più facile vedere la linea difensiva ed evitare il fuorigioco. Io sono partito dal dietro, arrivo sul pallone in spaccata , altrimenti non l'avrei mai presa. Poi in un'altra occasione il loro portiere ha compiuto il miracolo, uin un'altra la traversa, insomma per oggi è andata così magari l'appuntamento è rinviato alla prossima sfida”. Una sfida che ti vedrà da ex, come presenti la Pianese? “Una squadra che dipone di un organico che a mio avviso non merita di essere nei play out. Certo non si avvicina a quella squadra in cui ho giocato io, costruita per provare ad insidiare le prime tre posizioni, ma resta una squadra che si può salvare tranquillamente. Lì hanno un campo sintetico, q ello potrebbe rappresentare un insidia. Ma noi non possiamo mollare, oggi era importante vincere e lo abbiamo fatto ma domenica prossima lo sarà ancora di più”. Vincere un campionato di rimonta, è questo che sperano i tifosi rossoblù è questo che hai provato sulla tua pelle con lo Spoleto targato Pasquino giusto? “Si proprio così, quell'anno mi ricordo che chiudemmo il girone di andata a metà classifica, anzi c'era anche un po' di malumore perchè tanti ragazzi del posto non riuscivano a giocare. Alla fine di ricnorsa mettemmo tutti daccordo centrando una storica promozione che però non ha avuto seguito. Mi fa strano e mi dispiace vedere quest'anno la squadra biancorossa in fondo alla classifica e onestamente non credo che potranno risalire”. In attacco Zuppardo a Castel Rigone giocava anche da esterno, a Gubbio ti torvi meglio al centro oppure vorresti più spazio sugli esterni' “A Castel Rigone e a Spoleto avevoa cnhe qualche anno in meno- sorride l'attaccante siciliano- A parte gli scherzi però posso anche giocare da esterno, certo con degli attaccanti come Ferretti e Ferri Marini sugli esterni è chiaro che preferisco la posizione centrale per stare in area e fare gol. Ma nel complesso siamo un bel gruppo che sa quello che vuole e fino alla fine, questo lo prometto ai tifosi, lotteremo per cercare di raggiungere un successo importante”.
Gubbio/Gualdo Tadino
25/01/2016 17:30
Redazione
Gubbio: iniziative in programma per il ‘Giorno della Memoria’ e per ricordare i ‘Quaranta Martiri’
Si rinnovano oggi, mercoledì 27 gennaio, le celebrazioni del “Giorno della Memoria”, per ricordare lo sterminio del popo...
Leggi
Rifiuti e differenziata, la Regione lancia l'ultimatum: chi non si impegna, rischia il "commissariamento"
Accelerare l’incremento della raccolta differenziata dei rifiuti, uniformandola su tutto il territorio regionale, allo s...
Leggi
Lavori pubblici e burocrazia: solo a Gubbio bloccati 5,5 milioni di euro di interventi
Ha ricevuto la delega, che era stata del dimissionario Rughi, sabato mattina. E tra le urgenze che il nuovo assessore al...
Leggi
School Volley Bastia corsara a Torre San Patrizio 1-3: la vetta resta lì ad un punto
Nell’ultima giornata del girone di andata del girone F di Serie B2 la School Volley Bastia femminile infila l’ennesima v...
Leggi
Crisi editoria umbra: domani audizione Odg e Asu in I Commissione regionale
La Prima commissione dell`Assemblea legislativa dell`Umbria, presieduta da Andrea Smacchi, è stata convocata a Palazzo C...
Leggi
Stoica Pallacanestro Femminile Umbertide: regge mezzora Schio e cade nel finale 84-67
Esce tra gli applausi e sicuramente senza nemmeno troppi rimpianti la Pallacanestro femminile Umbertide dal campo delle ...
Leggi
Barton Cus Perugia, la poule salvezza comincia con una vittoria: il Cus Roma si arrende 27-26
Buona la prima. La Barton Cus Perugia batte il Cus Roma per 27-26 e vince la partita valida per la prima giornata dei pl...
Leggi
La New Font Mori Gubbio trasloca all'Istituto d'arte ma non si ferma: 3-0 al Rimini
Chiude alla grande il girone di andata la New Font Mori Gubbio, che nell`ultima giornata del girone di andata supera sen...
Leggi
Ceri, festa grande per il veglione sangiorgiari: eletta miss Letizia Rughi: stasera a "Trg Plus" (ore 20.50)
Si è aperta sabato in un clima di grande entusiasmo, la stagione dei veglioni di carnevale legati alla Festa dei Ceri. A...
Leggi
Top Quality San Giustino sfiora l'impresa contro la capolista San Giovanni in Marigano: 2-3
Una gagliarda Top Quality Group, ancora “orfana” di Mirka Francia ma con una positiva Nadia Ditommaso al suo posto e con...
Leggi
Utenti online:      218


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv