Skin ADV

I giovani umbri e la trappola della rete: dati e inquietudini che emergono dall'indagine presentata dal Corecom

I giovani umbri e la trappola della rete: dati e inquietudini che emergono dall'indagine presentata dal Corecom. Si entra gia' a nove anni, quasi la meta' degli intervistati ha inviati messaggi offensivi. E a molti e' chiesto il nudo.

A nove anni si comincia a entrare nella Rete insieme ai genitori, a undici anni si possiede il proprio smartphone. Più del 45 per cento dei ragazzi intervistati per la ricerca che il Corecom dell’Umbria ha commissionato a Maria Giuseppina Pacilli, docente di psicologia sociale dell’Università degli studi di Perugia, ha inviato messaggi privati “offensivi” su WhatsApp (cyberbullismo hard), mentre quasi il 40 per cento degli adolescenti ha escluso qualcuno dai gruppi virtuali almeno una o due volte al mese (cyberbullismo soft): la ricerca è stata presentata a Palazzo Cesaroni, seguita da una tavola rotonda sui dati emersi.

Si intitola “L’uso del web degli adolescenti. Rischi e opportunità”, e rivela un quadro a dir poco preoccupante. Il 99 per cento degli studenti intervistati usa WhatsApp e quasi la metà di loro ha inviato messaggi privati “offensivi” nei confronti di altri.

Dopo l’illustrazione dei dati si è svolta una tavola rotonda a cui hanno preso parte rappresentati delle Prefetture di Perugia e Terni, dell’Ufficio Scolastico regionale dell’Umbria e della Polizia Postale, l’onorevole Elena Ferrara, promotrice della legge ‘71/2017’, Mario Morcellini, Commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Maria Rita Bracchini, vicepresidente di European antibullying network (Ean)-Fondazione Centro Studi Villa Montesca e il professor Rolando Marini, sociologo della comunicazione dell’Università per Stranieri di Perugia.

La presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi ha introdotto i lavori ricordando la legge contro il cyberbullismo, di iniziativa della stessa Porzi e del consigliere Silvano Rometti (SeR), recentemente approvata dall’Aula: “Contro il cyberbullismo la Regione si è dotata di una specifica norma, a dimostrazione che riteniamo importante impegnarsi nel contrasto a questa violenza che colpisce i nostri ragazzi. Certo, la nostra legge non cambierà il mondo, ma se cambiasse la vita anche di una sola persona, di un ragazzo che sta soffrendo, la potremmo considerare già un successo”.

Il presidente del Corecom Umbria, Marco Mazzoni, ha detto che i dati contenuti nella ricerca “permettono di individuare, dopo un’indagine conoscitiva molto approfondita, come gli adolescenti usano il web e quali eventuali interventi attuare in maniera mirata per la prevenzione di fenomeni come quello del cyberbullismo, per cui è necessario l’impegno da parte di tutti, scuola e istituzioni”.

Quindi la docente Maria Giuseppina Pacilli ha illustrato i dati della ricerca: “Abbiamo chiesto a 901 adolescenti frequentanti le scuole superiori di Perugia e Terni come usano i media e su quali piattaforme interagiscono: è importante sapere come avviene l'accesso a internet, il 78 per cento si collega da smartphone. Fino a qualche anno fa, invece, avveniva attraverso il computer di casa, in una maniera più condivisa rispetto a quanto avviene oggi, con i ragazzi che parlano raramente o mai con i propri genitori e mai si fanno aiutare da loro di fronte a qualcosa che li turba on

line. Il 96,3 per cento dei partecipanti ha un profilo sui social network, solo il 30 per cento ha un profilo completamente privato. Secondo quanto dichiarano, i ragazzi passano in media tre ore al giorno sui social, ma si può ritenere a ragion veduta che questo dato è approssimativo per difetto, vale a dire che sottostimano il tempo trascorso in rete o comunque non lo sanno quantificare. I social network sono usati anche di notte, quando non solo disturbano il sonno ma provocano difficoltà di concentrazione.

Il mezzo più usato è WhatsApp: il 99 per cento dei ragazzi usa questa applicazione,

non sanno per quanto tempo ma la usano a lungo. Nel farlo, un considerevole numero di ragazzi diviene attore, spettatore o vittima di episodi di cyberbullismo, che può essere definito ‘soft’ nei casi in cui si esclude qualcuno da un gruppo, ma le conseguenze di ciò su un giovanissimo non sono tanto leggere, mentre quello ‘hard’ si rivela attraverso comportamenti di manifesta ostilità. Più della metà dei ragazzi intervistati, il 61,6 per cento, ha escluso qualcuno, mentre il 91 per cento ha dichiarato di aver assistito almeno una volta negli ultimi due mesi a episodi di cyberbullismo. Ben il 28 per cento ha ricevuto richieste di foto nude di sé. La ricerca ha dimostrato la centralità del web e il fatto che il virtuale è reale”.

 

Perugia
07/06/2018 10:46
Redazione
C.Castello: Piazza Burri, domani sabato 23 giugno, in consiglio comunale la firma dell’accordo di programma con la Fondazione
Piazza Burri: domani in consiglio comunale la firma dell’accordo con la Fondazione Burri. La notizia è stata data dal si...
Leggi
Gubbio, torna il progetto “Città del Ben…essere!!”. Con la ‘marcia’ verso il 2030: oggi dalle 16 alla Sperelliana
Prende il via domani la XXXII edizione del progetto “Città del Ben…essere!!” per far conoscere i “17 Obiettivi di Svilup...
Leggi
Una visita guidata alla Galleria Nazionale dell'Umbria: iniziativa delle Guide turistiche in occasione di "Perugia 1416"
Un`iniziativa promozionale voluta dall`Associazione Guide turistiche dell`Umbria in occasione dell` evento Perugia 1416,...
Leggi
A Gubbio le finali del campionato toscano Old Rugby
Preparativi in atto per le finali del campionato toscano “old rugby” organizzato dal Comitato Toscana Rugby old che si s...
Leggi
Chiusura in musica per il Polo Liceale "Mazzatinti" di Gubbio: sabato alle 18.30 concerto Polyphoniae 2018
Sarà un bellissimo pomeriggio, ma soprattutto una chiusura dell’anno scolastico di altissimo pregio, quella che si  svol...
Leggi
Gubbio: convegno ‘CO.N.I.P. - Pioniere dell’economia circolare - il riciclo delle casse in plastica - una storia di vita’
Si terrà domani venerdì 8 giugno alle ore 15,30 presso il Park Hotel Ai Cappuccini, un convegno dedicato a ‘CO.N.I.P. Pi...
Leggi
Eccellenza, finale playoff nazionali: Cannara-Torres si gioca domenica alle 14.30 al "Comunale" di Bastia Umbra
Eccellenza, finale playoff nazionali: Cannara-Torres, gara di ritorno decisiva per la promozione in Serie D, si gioca do...
Leggi
Gubbio Calcio, tanti nodi tra rinnovi e cessioni: oggi Pannacci incontra Palermo
  Gubbio calcio: dopo la conferma ufficiale di Sandreani in panchina, i rossoblù stanno iniziando a costruire la squadr...
Leggi
"Water Polo ability", sabato a Perugia appuntamento con l'inclusione attraverso la pallanuoto
Inclusione, divertimento e sport: sono le tre parole per descrivere l’esperienza sportiva che vede protagonisti 13 rag...
Leggi
Agea, subito al lavoro per lo sblocco dei pagamenti. Parola del Ministro Centinaio. Oggi replica Trg Plus alle 13.30
Impegno per lavorare allo sblocco dei pagamenti di Agea verso gli agricoltori già dalla prossima settimana, parola del M...
Leggi
Utenti online:      243


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv