Skin ADV

Rientrata dalla Toscana la protezione civile dell'Umbria

La colonna mobile è stata impegnata nella zona di Prato.

Ha completato le sue attività di aiuto ed è rientrata in Umbria anche il secondo contingente della colonna mobile della protezione civile regionale, impegnata dal 2 novembre scorso in Toscana, colpita dall’emergenza alluvionale. Ieri, lunedì 13 novembre, il Ministro per la protezione civile e le politiche del mare, Nello Musumeci, ha riunito nella sala del Consiglio del Comune di Campi Bisenzio tutte le rappresentanze delle colonne mobili regionali e del volontariato, fra cui quella umbra, per ringraziare del supporto fornito. Alla struttura regionale di protezione civile e ai volontari impegnati, va anche il rinnovato grazie dell’assessore Enrico Melasecche: “Mi unisco ai ringraziamenti del Ministro, della Regione Toscana e del Comune di Prato”, dice sottolineando a sua volta “l’importanza dell’aiuto che il nostro sistema regionale di Protezione civile sta garantendo ad ogni emergenza, sia locale che nazionale, con impegno e notevoli capacità”. La colonna mobile della Regione Umbria era stata indirizzata ad operare nel territorio di Prato. Il primo contingente, composto dalla dirigente del Servizio Protezione Civile ed emergenze, Stefania Tibaldi, tre funzionari e da 30 volontari di sette organizzazioni di volontariato umbre (Pietralunga Anteo, Monteleone di Orvieto Gruppo Comunale, Spoleto AVCC, Piegaro Valnestore, Rosa dell’Umbria di Todi, Foligno “Città di Foligno”, Bastia Umbra Gruppo Comunale) è stato indirizzato immediatamente a Figline di Prato. Qui è intervenuto con motopompe idrovore, idropulitrici, moduli per il lavaggio e mezzi movimento terra, al fine di garantire un ritorno alla normalità del quartiere dove numerosi sono stati i locali interrati invasi da acqua e fango a causa della esondazione dai fiumi che costeggiano l’area. Nei giorni successivi i volontari hanno anche provveduto al pompaggio di grandi quantità di acqua con idrovore di maggiore potenza per liberare ampie zone allagate, tra cui alcune destinate ad attività produttive vivaistiche. Il secondo contingente che ha raggiunto Prato è partito la mattina dell’8 novembre dal Centro regionale di protezione civile di Foligno, dotato di moduli per il lavaggio dal fango e di motopompe idrovore per l’aspirazione di acqua nei locali allagati. Ne facevano parte 3 funzionari della struttura regionale di Protezione civile e 22 volontari di otto organizzazioni di volontariato: i Gruppi comunali di protezione civile di Terni, Orvieto, Acquasparta, Gualdo Cattaneo e Spello, le Associazioni Protezione civile di Collescipoli e Umbertide, l’Associazione Nazionale Carabinieri Umbria. Il secondo contingente ha proseguito i lavori, già iniziati dal primo, per pulire i locali interrati della OAMI, una struttura per l’assistenza dei malati infermi. Una attività importantissima per il riavvio funzionale della struttura, in quanto nei locali allagati erano presenti le centrali degli impianti elettrico ed idrosanitario, nonché i vani tecnici degli ascensori rimasti bloccati con l’evento alluvionale. La colonna mobile umbra è rientrata al termine di questa attività, dopo aver supportato il COC del Comune di Prato nella sorveglianza dei corsi d’acqua che nella giornata di sabato hanno nuovamente rotto alcuni argini, ma questa volta in punti controllati dove si poteva ridurre al minimo il coinvolgimento delle zone abitate.

Perugia
14/11/2023 14:58
Redazione
L'aria di Gubbio: sotto controllo, ottima, tra le migliori in Umbria, impatto cementifici trascurabile. Arpa presenta 15 anni di monitoraggi nella conca eugubina
Si chiude con tre assunti la conferenza stampa che a Gubbio ha visto Arpa, l`agenzia regionale di protezione ambientale,...
Leggi
Presentazione del restauro dell'Organo Morettini della Chiesa di Sant'Agostino di Gubbio
Festa grande sabato 18 novembre nella chiesa di S.Agostino per la presentazione del restauro dell’organo di Angelo Moret...
Leggi
Torna il Gran Galà di Danza “Il Sorriso di Beatrice” in favore del Comitato Chianelli
Si apre il sipario sulla sesta edizione del Gran Galà di galà di danza “Il sorriso di Beatrice”. Un grande progetto di s...
Leggi
C.Castello: torna l’appuntamento con la Strasanflorido
Torna l’appuntamento nel centro storico di Città di Castello con la Strasanflorido, la gara podistica non agonistica all...
Leggi
500 anni Perugino, la vita di Pietro Vannucci in un fumetto
“Chiuso, rustico, di poche parole. Eppure dietro la scorza dura c`è un tipo vero, schietto e romantico, a cui piacciono ...
Leggi
C.Castello: cerimonia di premiazione della quinta edizione di “Medici Davvero”
Sabato 11 novembre 2023, in occasione della quinta edizione di “Medici Davvero” in ricordo della Dott.ssa Silvia Nanni, ...
Leggi
Gatto ucciso da arma da fuoco: aveva camminato sul cemento fresco. I Carabinieri Forestali denunciano un uomo a Gualdo Tadino
I Carabinieri Forestali di Gualdo Tadino hanno deferito all’A.G. il responsabile dell’uccisione di un gatto avvenuta all...
Leggi
Cip Umbria, secondo posto per Luca Crocioni al torneo di Roma
Secondo posto per il perugino Luca Crocioni al primo Torneo di scacchi organizzato dall’Unione Italiana Ciechi di Roma, ...
Leggi
Ambroglini traccia la strada della Bartoccini Fortinfissi Perugia
Le istantanee del sabato sera del Palabarton sono ancora ben vive nella mente di chi ha assistito al big match della set...
Leggi
Muore per un osso di coniglio, due medici dell'ospedale di Branca condannati a risarcire 112 mila euro ciascuno
La Corte dei conti dell’Umbria ha condannato due medici dell`ospedale di Branca al pagamento di 112 mila euro ciascuno a...
Leggi
Utenti online:      174


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv