Skin ADV

Vaccini anti Covid-19, segnalazioni di reazioni avverse sospette nel periodo dal 1 gennaio al 22 marzo 2021 in Umbria

Dal 1 gennaio al 22 marzo 2021, in Umbria, risultano inseriti nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) 835 casi di sospette reazioni avverse (ADR) ai vaccini anti Covid-19 su un totale di 79.312 dosi somministrate.

Dal 1 gennaio al 22 marzo 2021, in Umbria, risultano inseriti nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) 835 casi di sospette reazioni avverse (ADR) ai vaccini anti Covid-19 su un totale di 79.312 dosi somministrate. Lo rende noto la Direzione regionale alla Salute. La percentuale di segnalazioni sul totale delle dosi somministrate è pari all’1,05%. Il tasso di segnalazione per 100.000 dosi in Umbria, pari a 1050/100.000 dosi, è sostanzialmente in linea con il dato medio nazionale che è di 729 segnalazioni per 100.000 abitanti (risalente al 26 febbraio 2021, circa un mese prima dell’attuale dato umbro). Nel 79% dei casi, la reazione avversa ha interessato il sesso femminile, con un rapporto Femmine/Maschi pari a circa 3:1. Nel 96% dei casi (799 su 835) di segnalazione si è trattato di una reazione avversa giudicata “non grave”. Al momento della segnalazione, l’86% (722 su 835) delle reazioni avverse segnalate era definitivamente risolto, il 4% (34 su 835) è stato giudicato in “miglioramento”, l’8% (70 su 835) risultava “non ancora guarito”, l’1% (7 su 835) riportava una “risoluzione con postumi”. In circa l’1% (3 su 835) delle segnalazioni il dato di esito non era disponibile. Relativamente al tipo di reazione avversa, sono state segnalate prevalentemente quelle già note per questi vaccini. Tra le principali: reazioni locali o sistemiche (febbre, brividi, dolore in sede di iniezione, stanchezza, malessere) in circa il 33% dei casi; reazioni interessanti il sistema muscoloscheletrico (mialgia, artralgia) circa il 20% dei casi; disturbi interessamento il sistema nervoso (cefalea, parestesie) circa il 18% dei casi; disturbi del tratto gastrointestinale (nausea, diarrea) nel 9% dei casi. La durata media delle reazioni è stata di circa 4 giorni. Nella maggior parte dei casi il segnalatore della reazione avversa è stato il medico (56%), seguito dal farmacista e dal cittadino (entrambe 16%) e da altro operatore sanitario (12%).

Perugia
31/03/2021 15:57
Redazione
Usl Umbria 1, nuovo dispositivo per il monitoraggio cardiaco da remoto
Monitoraggio cardiaco da remoto con registrazione del ritmo cardiaco dei pazienti fino a 24 ore consecutive in maniera n...
Leggi
C.Castello: Coronavirus, 19 nuovi positivi e 45 guariti
“La circolazione del virus continua ad essere piuttosto intensa, perché ieri i nuovi positivi sono stati 19, ma abbiamo ...
Leggi
Umbria: presentata stamane la Fondazione Umbria Film Commission
Si è costituita a tutti gli effetti la Fondazione “Umbria Film Commission”, fondazione di partecipazione, promossa e sos...
Leggi
#noidimenticati, ristori irrisori per le imprese legate al turismo: 5 città santuario per la prima volta scendono in piazza insieme
Per la prima volta, gli imprenditori di 5 città santuario italiane, piccole ma di straordinaria importanza religiosa e t...
Leggi
Gubbio: i riti della Settimana Santa
La Chiesa Cattolica si prepara al triduo pasquale con celebrazioni ridotte e manifestazioni, come processioni e vie cruc...
Leggi
Nocera Umbra: incendio di 10 rotoballe in località Montecchio
I vigili del fuoco del distaccamento di Gaifana sono intervenuti nella notte scorsa per l’incendio di 10 rotoballe che s...
Leggi
Allevatori, circondati dai lupi sui monti umbri
"Siamo circondati dai lupi, arrivano fino al cancello di casa e ci sbranano puledri e pecore. Di sera non siamo nemmeno ...
Leggi
Umbertide: da giovedì 1° aprile la Farmacia Comunale 1 torna nella sua sede di piazza Matteotti
La Farmacia Comunale 1 torna con una veste rinnovata nella sua sede di piazza Matteotti. Dalla giornata di giovedì 1° ap...
Leggi
Azienda Ospedaliera di Perugia: Settimo parto cesareo per una giovane donna positiva al Covid-19
Eseguito nei giorni scorsi presso l’Azienda Ospedaliera di Perugia un taglio cesareo elettivo in una giovane donna, di n...
Leggi
"La Regione Umbria intervenga: serve argine ai No-Vax per la tutela della salute pubblica". Meloni (Pd) annuncia una proposta di legge sull'obbligo di vaccinazione anti-Covid
“E’ allarmante, anche nella nostra regione, il dilagare di casi di operatori sanitari no vax che, in virtù della loro de...
Leggi
Utenti online:      204


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv