Skin ADV

C.Castello: Coronavirus, ieri 14 nuovi positivi e cinque guariti

C.Castello: Coronavirus, ieri 14 nuovi positivi e cinque guariti. Alla Muzi Betti 46 ospiti negativizzati, da lunedi' riprenderanno le visite esterne con l'interfono.

“I dati di ieri non sono buoni per quanto riguarda l’aumento dei casi di Covid-19, perché abbiamo avuto 14 nuovi positivi, tutti in isolamento contumaciale domiciliare, e soltanto cinque guariti”. E’ quanto ha riferito stamattina il sindaco Luciano Bacchetta, che ha preso atto di come “dopo un lunghissimo periodo nel quale il numero dei guariti è stato superiore a quello dei nuovi positivi, questa tendenza sembra essersi interrotta alla luce degli indicatori degli ultimi giorni, che non sono eccellenti”. “Anche il contesto regionale è purtroppo decisamente preoccupante, perché si parla di varianti brasiliane e inglesi nel quadro di una sostanziale espansione delle positività, con un indice Rt di 1.14 che è piuttosto alto e con un rischio di sovraccarico degli ospedali per i ricoveri, specie in terapia intensiva”, ha riconosciuto il primo cittadino, prendendo atto di come la situazione attuale “minacci di trasformare l’Umbria in una zona ancora più rossa di quanto già non sia per i 31 comuni che per il momento sono stati classificati in questo modo”. “I dati complessivi tifernati non danno una indicazione in linea con la maggior parte della regione, per percentuale siamo in fondo alla graduatoria dei casi di contagio, ma siamo in Umbria, in provincia di Perugia, e dobbiamo quindi attendere le decisioni del Comitato Tecnico Scientifico nazionale che verranno prese di concerto con la giunta regionale, sulle quali non mi sento di escludere nulla, solo di invitare a resistere”, ha sottolineato Bacchetta. “Questa lunghissima seconda ondata, purtroppo, non accenna né a placarsi, né a diminuire di intensità, quindi dobbiamo mantenere i nervi saldi, fare il nostro dovere, rispettare le prescrizioni”, ha chiarito il sindaco, nel far presente di essere venuto a conoscenza di alcune situazioni nelle quali non sarebbero state rispettate le disposizioni. “Mi rendo conto che non sia semplice, ma è dura per tutti e dobbiamo fare questo ulteriore sforzo, perché la situazione generale non è buona e dobbiamo preoccuparci tutti di arginare e frenare l’espansione del virus, è una questione di responsabilità collettiva”, ha precisato Bacchetta. “Da questo punto di vista – ha rilevato il sindaco - debbo dire che mi sembra un po’ fuori luogo una piccola polemica sorta a Umbertide riguardo alle sedi per i vaccini di massa in Alta Valle del Tevere”. “L’Usl Umbria 1, l’ente che ha la responsabilità, l’onore e l’onere di decidere in questa materia, ci ha chiesto di mettere a disposizione due siti, uno nella zona sud del territorio comunale e uno nella zona nord, per servire, oltre che i tifernati, tutti i comuni del comprensorio e ci siamo immediatamente adeguati”, ha spiegato Bacchetta, che ha chiarito: “se Umbertide vuole un sito per i vaccini si faccia avanti, certamente non abbiamo alcuna volontà di imporci a nessuno, perché in momemti come questi la cosa più importante sono la collaborazione, il rispetto reciproco e un grande senso istituzionale”. “I campanilismi, invece, sono fuori luogo”, ha sostenuto il primo cittadino, osservando: “se fossimo stati campanilisti a Città di Castello non avremmo agito come abbiamo agito, visto che il reparto Covid e la terapia intensiva Covid del nostro ospedale ospitano umbri di tutti comuni ed è giusto così, perché occorre una solidarietà generale che va assolutamente valorizzata”. Bacchetta ha quindi dato conto di dati molto buoni che arrivano dall’Asp Muzi Betti. “Dopo il terribile focolaio che ha causato 100 casi di positività al Covid-19 e la scomparsa di dieci ospiti contagiati, mentre altri due decessi di questo periodo non dovuti al Coronavirus, oggi il bilancio della residenza sanitaria parla di 10 ospiti che sono sempre stati negativi, di tre ricoverati in ospedale, uno dei quali non per Covid-19, di 13 anziani positivi e di ben 46 ospiti negativizzati”, ha reso noto il sindaco, che ha anticipato come “da lunedì prossimo riprenderanno davanti alle vetrate del complesso intitolato a Dina e Carlo Birri le visite dei parenti che dall’esterno della struttura comunicheranno con i propri congiunti mediante l’interfono”. “Davvero un bel segnale – ha commentato il sindaco – visto che uno dei grandi problemi determinato dal Covid per le persone anziane è quello della solitudine, per cui e il contatto indiretto che sarà offerto dalla possibilità degli incontri attraverso le vetrate e l’interfono sarà psicologicamente, umanamente e sentimentalmente importante”. “D’altra parte e lo ribadisco, il focolaio non è certo nato dalle visite esterne nei locali della struttura, che non ci sono mai state, ma è stato purtroppo interno, un fatto che può accadere ed è accaduto dovunque, semmai alla Muzi Betti molto più tardi che altrove”, ha puntualizzato Bacchetta, rimarcando che “le norme prudenziali e le accortezze necessarie sono sempre state rispettate dalla Muzi Betti, dalla presidente Andreina Ciubini che vogliamo ringraziare ancora per essere costantemente in prima linea, in modo del tutto gratuito, insieme ai suoi collaboratori”. “Quello della presidente Ciubini è un compito ingrato e qualche volta mi piacerebbe che ci fosse la consapevolezza che ci sono tante persone che si impegnano soltanto per amore della propria città, per senso del dovere e per senso civico”, ha concluso il sindaco.

Città di Castello/Umbertide
05/02/2021 15:29
Redazione
Caccia: Confagricoltura, bene la Regione sui cinghiali
Per Confagricoltura Umbria quello del contenimento dei cinghiali che potrà ora essere praticato anche tramite caccia di ...
Leggi
Morsa in auto da una vipera, è in codice rosso all'ospedale di Branca
Morsa da una vipera, è grave una signora di Gualdo Tadino attualmente ricoverata all`ospedale di Branca. Il fatto staman...
Leggi
Cava Casamorcia, l'amministrazione comunale difende operato dei dipendenti comunali: "Gli uffici hanno agito in coerenza con PRG"
Nota a Gubbio del’amministrazione comunale che  interviene in merito alla vicenda della ex cava di Casamorcia, dove, sec...
Leggi
Magione: Arresto di un uomo di nazionalità albanese e di una donna ucraina per l’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina
Nel corso della serata del trascorso 3 febbraio, i militari dell’Aliquota Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri ...
Leggi
Giano dell’Umbria: si presenta ubriaca a casa dell’ex compagno: denunciata
Una donna italiana di 44 anni è stata denunciata dai Carabinieri della Stazione di Giano dell’Umbria per le ipotesi di r...
Leggi
Assisi: piano strade Anas, dopo i primi 10 milioni stanziati altri 2 milioni per le frazioni
Dopo i 10 milioni iniziali, sono stati stanziati altri 2 milioni per le strade delle frazioni danneggiate dalla serie di...
Leggi
Emergenza Covid: a Gubbio ordinanza prorogata per un’altra settimana
Otto classi delle scuole di Gubbio in quarantena e una situazione, per quanto riguarda l’intera provincia di Perugia, ...
Leggi
1177 domande per i 5 posti di istruttore amministrativo messi a concorso dal comune di Città di Castello
Sono 1177 le domande di partecipazione al concorso per cinque posti di istruttore amministrativo al comune di Città di C...
Leggi
Covid: 10 morti in Umbria e altri 443 positivi
Tornano a crescere i nuovi casi Covid giornalieri in Umbria, 443 nell` ultimo giorno, più 19 per cento rispetto a ieri s...
Leggi
All’Ospedale di Perugia identificate due nuove mutazioni genetiche in una bambina affetta da una forma rara di epilessia
Sono state identificate, all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, due nuove mutazioni del gene PCDH19 sul...
Leggi
Utenti online:      199


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv