Skin ADV

Ricostruita la storia dei magionesi Bubba e Tufo internati nei lager tedeschi

Le famiglie hanno fatto richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri del riconoscimento della Medaglia d’onore.

Le famiglie Bubba e Tufo, ambedue del comune di Magione, hanno chiesto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri il riconoscimento della Medaglia d’onore per i loro congiunti Domenico Bubba e Alessandro Tufo, ambedue ex-internati militari nei lager tedeschi durante l’ultimo conflitto. Il riconoscimento è stato chiesto attraverso l’Associazione nazionale ex internati militari (Anai) nei lager nazisti, sezione di Perugia, presieduta Marco Terzetti. A richiederlo sono stati Giulietta Bubba figlia di Domenico originario della frazione di Sant’Arcangelo, e Rino Tufo, figlio di Alessandro. La vicenda dei due magionesi è stata ricostruita dallo storico Gianfranco Cialini che era amico di Domenico Bubba. Ambedue classe 1913, dopo aver fatto regolarmente il servizio militare, Domenico venne congedato con il grado di caporale mentre Alessandro come soldato semplice. Appartenevano entrambi al corpo di artiglieria da montagna (alpini) cosa abbastanza strana per degli umbri perché la maggioranza degli alpini provenivano dalle regioni del nord italiana. Tufo era dell’ artiglieria someggiata(muli). Nel 1940 furono richiamati in servizio ed assegnati alla divisione Aqui (33° reggimento artiglieria) ed inviati in Albania (campagna dei Balcani) e successivamente a Cefalonia. A seguito dell’armistizio dell’8 settembre 1943 tra Badoglio e gli alleati alcuni militari, tra cui Bubba si ribellarono ai tedeschi. La vicenda è narrata in uno scritto dello stesso Bubba: “il 9 settembre mi trovavo ricoverato nell’ isola di S. Marta, isola vicina a Cefalonia, ci ribellammo ai tedeschi con una sparatoria che fu breve ma procurò morti e feriti e fui condotto in una nave ospedale che era ancorata al largo. Poi venimmo sbarcati al Pireo. Giunti ad Atene il 18 ottobre, ed ancora convalescenti, fummo internati”. Il Bubba fa alcuni nomi dei commilitoni che erano con lui tra cui quello di Rino Tufo. Fatti prigionieri dai tedeschi furono traferiti in Germania al M. Stammlager XI A, campo di prigionia situato in Sassonia vicino al villaggio di Altengrabow a circa 90 km a sud-ovest di Berlino, dove saranno impiegati come manodopera per costruire munizioni e dove moriranno diversi prigionieri per malattie provocate da denutrizione. Il Bubba scrive che mangiavano, per sopravvivere, la scorsa delle patate. Furono liberati il 4 maggio 1944 dagli alleati dopo un tentativo fallito da parte dei paracadutisti anglo americani. Successivamente arrivarono i russi i quali pretendevano la consegna dei prigionieri italiani e polacchi ritenendoli nemici ma, a seguito del diniego da parte degli alleati, torneranno dalla Germania in Italia a piedi valicando il Brennero e arrivando al confine il 28 agosto 1945. “L’amicizia tra Domenico Bubba e Alessandro Tufo – commenta Cialini – iniziata durante il servizio militare ed il periodo della prigionia, si è sempre mantenuta rinsaldandosi ancora di più dopo il ritorno a casa. Ne è testimonianza che Tufo volle il Bubba come padrino al battesimo il proprio figlio Rino.” Il Bubba, ritornato alla vita civile, si impegnò in politica nel partito socialista. Fu eletto consigliere comunale nel comune di Magione e operò, in tale veste, per far intitolare dal Comune una strada ai suoi commilitoni trucidati a Cefalonia. Infatti a S. Arcangelo la strada che collega la regionale 599 al molo porta il nome di Martiri di Cefalonia.

Perugia
06/02/2023 15:22
Redazione
A Città di Castello proseguono i controlli della Polizia di Stato per prevenire i furti in abitazione
Oltre ai quotidiani servizi di controllo del territorio, garantiti nell’arco di tutta la giornata dagli agenti delle Vol...
Leggi
I bambini della scuola di Piosina in visita al sindaco Luca Secondi, che li nomina “ambasciatori per la cura del decoro della città”
“Da oggi sarete ambasciatori per la cura del decoro della nostra città”. E’ l’investitura con cui il sindaco Luca Second...
Leggi
Prima edizione del “Trocco del lupo Trail”, gara podistica in programma a San Terenziano
Si correrà il prossimo 5 marzo la prima edizione del “Trocco del lupo Trail”, gara podistica in programma a San Terenzia...
Leggi
A Gubbio torna il Ballo in Maschera dei Bambini della C.R.I.
Torna a Gubbio, dopo lo stop causato dall`emergenza sanitaria, uno degli appuntamenti più amati per il periodo di Carnev...
Leggi
San Marco, Gubbio. incendio in soggiorno. Nessun ferito
I Vigili del fuoco di Gubbio sono intervenuti nel pomeriggio odierno per un incendio che ha interessato un appartamento ...
Leggi
Ad Assisi dal 24 al 26 febbraio: Convivium pacis. Per un itinerario di pace
“Convivium pacis. Per un itinerario di pace” è il nome dell’iniziativa che si terrà ad Assisi dal 24 al 26 febbraio, ad ...
Leggi
C.Castello: 325 piccoli e grandi spettatori per l’esordio di Teatro Ragazzi 2023
325 spettatori: ai limiti della capienza il Teatro degli Illuminati di Città di Castello pur di accogliere tutti i picco...
Leggi
Umbertide: inaugurata la mostra “In seno alla pittura”
Le opere di otto ariste esposte alla Rocca per porre l`attenzione sull`importanza della prevenzione contro i tumori. E` ...
Leggi
Stasera torna "Fuorigioco", ore 21.15 su Trg: ospite l'addetto agli arbitri rossoblù Massimiliano Grilli
Stasera torna "Fuorigioco", ore 21.15, TRG(Canale 13): in scaletta il ritorno al successo del Gubbio al "Neri" contro il...
Leggi
Foligno: utilizzo indebito di carte di credito rubate, arrestato 35enne
Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Foligno hanno arrestato in flagranza un 35enne per il reato di in...
Leggi
Utenti online:      355


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv