Skin ADV

I fatti del 15 maggio secondo Anna Maria Lupi: "Lo spirito ceraiolo non deve scadere in tifoseria da ultrà"

Lettera alla redazione di Trg della signora Anna Maria Lupi sui fatti del 15 maggio: "Quella caduta ha gettato un'ombra sui valori della Festa"

"Chi vi parla è una cittadina di Gubbio di quasi 80 anni che ha vissuto personalmente tante feste dei Ceri e che, soprattutto ha potuto raccogliere le testimonianze dei tanti ceraioli della sua famiglia: nonni, zii, cugini".

Inizia così la lettera inviata a Trg dalla signora Anna Maria Lupi, residente di Colpalombo, 80 anni portati splendidamente, per nulla spaventata dai mezzi informatici, tando da voler inviare una mail alla redazione per dire la sua su quello che ha visto e letto di questa non- Festa dei Ceri 2020. Di seguito la missiva. 

"Non intendo fare commenti sugli episodi avvenuti a Gubbio il 15 maggio, in violazione delle ordinanze emanate e livello nazionale, regionale e comunale.

Vorrei invece “commentare” quanto nel merito dichiarato da alcuni “commentatori” i quali, in assoluta buona fede, hanno voluto accostare gli episodi citati alla caduta del cero: “il cero cade ma si rialza”; no, non è così, non è l’esempio giusto.

Da quella caduta non ci si rialza, non è stata accidentale come quella del cero, è stata voluta pur sapendo di mettere in pericolo sé e soprattutto gli altri.

Quella “caduta” ha gettato un’ombra sulla festa dei Ceri e sugli Eugubini, mettendone in risalto solo la parte marginale e negativa: quella di una tifoseria da ultrà che nulla ha a che vedere con lo spirito ceraiolo.

La caduta del cero non è voluta, non è cercata, al contrario è il momento più drammatico della corsa, è il momento nel quale tutti al di là del cero di appartenenza hanno un comune sentire, tanto che non è inusuale che il cero caduto venga aiutato a rialzarsi anche dagli altri ceraioli.

Gli sfottò verranno dopo.

I Ceri sono tre e la competizione, l’appartenenza esistono sono inevitabili, addirittura necessarie, ma il vero “spirito ceraiolo” sa che l’impegno, la passione e la fatica sono uguali per tutti: non ci sarebbe festa dei Ceri se tutti e tre non raggiungessero la meta, il loro Patrono sul monte.

Questa è l’eredità di valori che mi ha lasciato nonno Cenni ( nella foto a destra sotto la stanga ) che lungo la corsa non sempre trovava le mute e i bracceri, non trovava nemmeno le telecamere ad immortalare quella dedizione e quella sovrumana fatica".

Gubbio/Gualdo Tadino
30/05/2020 10:46
Redazione
Insediato il nuovo Corecom dell'Umbria, Elena Veschi nuovo presidente: stasera intervista in "Trg Plus" (ore 20.45)
Insediati, con una cerimonia nella sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni, il nuovo presidente del Corecom Umbria Elena Vesch...
Leggi
Dal 3 giugno riaprono circoli ricreativi ed aree gioco per bambini. Stop ancora ai Centri estivi per minori
Dal 3 giugno prossimo, nel rispetto delle “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive” aggiorn...
Leggi
Fondi Re - Start, Dem:"Risorse insufficienti. La misura rischia di creare disparita'"
I consiglieri regionali del PD intervengono sulla questione relativa alla inadeguatezza dei fondi Re-Start per le impres...
Leggi
Solidarieta' dei lavoratori Jp Industries, acquistati beni per il Banco di Solidarieta'
  Gesto di solidarietà dei dipendenti della Jp Industries: appena ricevuto il primo pagamento della cassa integrazione ...
Leggi
E' umbra l'app che rivoluziona il check-in alberghiero: da Slope un nuovo prodotto informatico che abbatte le file in hotel
In un turismo che cerca soluzioni per risalire la china post Covid, la tecnologia è lo strumento che può fare la differe...
Leggi
Polizia e Finanza confiscano beni ad un truffatore seriale. Appartamenti e garage a San Mariano di Corciano. Valore: 400 mila euro
Nella mattina di ieri, operatori della Divisione Anticrimine della Questura ed i militari del G.I.C.O. della Guardia di ...
Leggi
Serie C: sempre più probabile il format playoff-playout. Possibile ripartenza con la finale di Coppa tra Ternana-Juventus U23
Calcio: se l`incontro che si è consumato nella serata di ieri tra Governo, Federazione e leghe ha decretato la ripresa...
Leggi
Incidente sul lavoro a Fermo per un 37enne impiegato presso una ditta di Gubbio: trasportato in codice rosso all'ospedale di Torrette
Un operaio di 37 anni,  residente in Umbria e impiegato presso una ditta di Gubbio, è rimasto gravemente ferito in segui...
Leggi
Incidente Mortale a Gualdo Tadino: 58enne gualdese accusa un malore e si ribalta in auto uscendo di strada. Inutili i soccorsi
Dramma nel pomeriggio a Gualdo Tadino: incidente stradale mortale intorno alle ore 17.30 lungo la via Flaminia, nei pres...
Leggi
Utenti online:      604


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv