Skin ADV

Torna a Città di Castello la Fiera di San Bartolomeo

Animali al centro dell’attenzione in un fine settimana per le famiglie e i bambini che metterà in vetrina la realtà della zootecnia e dell’agricoltura a Città di Castello e in Umbria.

“Da venerdì 25 a domenica 27 agosto la Fiera di San Bartolomeo riporterà gli animali al centro dell’attenzione, in un fine settimana per le famiglie e i bambini che metterà in vetrina la realtà della zootecnia e dell’agricoltura a Città di Castello e in Umbria, i volti e il lavoro degli allevatori e degli agricoltori, in particolare dei più giovani, i temi e le prospettive di settori vivaci e innovativi, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare un tessuto produttivo fondamentale per l’economia dell’Alta Valle del Tevere”. Il sindaco Luca Secondi e l’assessore al Commercio e al Turismo Letizia Guerri hanno presentato stamattina in conferenza stampa l’edizione 2023 della manifestazione che il Comune promuoverà con Pro Loco di Piosina e la Società Rionale Madonna del Latte, gli allevatori dell’Alto Tevere e la partecipazione dell’Associazione Regionale Allevatori (ARA) dell’Umbria e Marche, sottolineando l’atteso ritorno di “un appuntamento immancabile dell’estate a Città di Castello, che, grazie alla collaborazione dei più autorevoli rappresentanti del mondo della zootecnia e dell’agricoltura umbre e dell’Alto Tevere e dell’associazionismo cittadino, rievocherà con numeri e novità importanti, una tradizione della nostra terra che fa parte del vissuto e dell’identità della comunità tifernate”. Sindaco e assessore hanno sottolineato “l’attenzione che ci sarà per i bambini e famiglie, con la fattoria didattica e il battesimo del pony, ma anche alla valorizzazione delle tradizioni e della gastronomia, con gli stand della Società rionale Madonna del Latte e della Pro Loco Piosina, ma anche gli showcooking dedicati al Vitellone Bianco dell’Appennino”. Insieme a tutti i protagonisti della Fiera di San Bartolomeo, ai quali sono stati espressi gratitudine e apprezzamento per l’impegno a sostegno dei rispettivi settori e delle tradizioni cittadine, Secondi e Guerri hanno illustrato il programma dell’evento, che si svolgerà interamente nell’area di piazzale Ferri e del parco comunale Alexander Langer e sarà inaugurata domenica alle ore 10.30, nel tradizionale incontro tra le istituzioni civili e religiose della città con i protagonisti della manifestazione e i visitatori. Tra le novità dell’edizione, l’istituzione del Premio “Maremma” in memoria dell’allevatore Antonio Lucaccioni, che verrà consegnato al più giovane allevatore in fiera. Venerdì 25 agosto presso il plateatico prenderà il via la fiera delle merci, con circa 20 stand alimentari e 25 ambulanti di abbigliamento, accessori, alimentari e casalinghi. Sabato 26 e domenica 27 agosto aprirà le porte la Mostra Zootecnica, con 10 allevatori della razza chianina che porteranno circa 25 capi, all’interno di un’area fieristica che ospiterà ovini e caprini, circa 40 equidi tra poni asini e cavalli, commercianti di animali, avicoltori, produttori agricoli (con miele, formaggi, ortofrutta), antichi mestieri. Sabato e domenica per le famiglie con i bambini ci sarà l’atteso ritorno della Fattoria di Dora, offrirà per tutto il giorno la possibilità di conoscere gli animali, divertirsi con letture animate e le invenzioni di Mago Merletto, partecipare a laboratori didattici, ma anche l’appuntamento con il battesimo del pony con gli istruttori del Centro Ippico Tiber Equestrian Club a disposizione dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00 in entrambe le giornate.  All’esterno del parco saranno in vetrina macchinari e articoli per l’agricoltura, mentre a ridosso delle mura urbiche sarà di scena la Compagnia dei Balestrieri di Città di Castello, che offrirà la possibilità ad adulti e bambini di impugnare un’arma depotenziata e scoccare un dardo verso i bersagli. All’interno dell’area della fiera, nel pomeriggio di sabato, alle ore 17.30, si svolgerà il convegno sul tema “Il ruolo dell’agricoltura e della zootecnia nella prevenzione del dissesto idrogeologico”, un importante momento di approfondimento promosso dal Comune con la partecipazione delle associazioni di categoria dei rispettivi settori, che si concluderà con la proclamazione dei vincitori del Premio Maremma. La gastronomia sarà protagonista della fiera con lo stand della Società Rionale Madonna del Latte che preparerà ricette tipiche della tradizione locale, i volontari della Pro Loco di Piosina che domenica mattina offriranno cantucci e vinsanto a tutti i presenti, gli showcooking del Consorzio Tutela Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale, in programma sabato alle ore 18.30 e domenica alle ore 12.00. “La Fiera di San Bartolomeo è un fondamentale momento di valorizzazione della zootecnia, che è un settore molto importante per l’Umbria, al quale contiamo di dare un contributo importante per far capire il valore di attività che rappresentano al tempo stesso un fattore di presidio e di ricchezza del territorio”, ha sottolineato Francesco Cenci in rappresentanza dell’Associazione Allevatori dell’Umbria e Marche. Insieme a lui, gli allevatori Cesare Lucaccioni e Francesco Fedeli, con la nipote Lavinia Bianchini Fedeli, hanno rimarcato il rilievo di un appuntamento che “rappresenta uno sguardo attuale sull’evoluzione dell’agricoltura e della zootecnica nel nostro territorio, grazie al quale è possibile far conoscere l’attività degli allevatori, il loro impegno per la tutela delle razze animali e dell’ambiente”. Fedeli ha confermato il ritorno alla Fiera di San Bartolomeo della star della manifestazione, il toro Italo, con i suoi 16 quintali di peso e un’altezza di 1 metro e 90 al garrese, che sarà protagonista della scena insieme a bovini di razza chianina al traino di carri. A testimoniare la soddisfazione di “contribuire a una manifestazione che fa parte della tradizione di Città di Castello e che per questo va sostenuta” sono stati il presidente della Pro Loco di Piosina Luigi Perugini, Alessandro Rossi della Società Rionale Madonna del Latte, Mario Menghi della Compagnia dei Balestrieri di Città di Castello e Michele Bendini, consulente dell’evento per gli aspetti veterinari, che hanno richiamato l’attenzione sulla “bellezza di una manifestazione che è tra le poche a favorire l’incontro e la scoperta degli animali, insieme alla promozione delle tradizioni popolari e della gastronomia locale”.

Città di Castello/Umbertide
21/08/2023 17:23
Redazione
"Io c’entro”: buona la terza per il centro estivo dell’Auser a Gubbio
Hanno passeggiato a piedi nudi nel fiume, costruito castelli con scarti di falegnameria, creato mappe del tesoro, cucina...
Leggi
Frana Gubbio, Lega: "Quando la riapertura della strada che interessa il 'Cammino di Francesco'?"
“A che punto sono i lavori nel tratto di strada, ad oggi ancora transennato, tra la Chiesa di Loreto e il bivio per loca...
Leggi
Caldo record, il Trasimeno è sotto ma sta meglio di un anno fa
Nonostante il caldo record di questa estate per il lago Trasimeno "rispetto a un anno fa la situazione è decisamente mig...
Leggi
Successo per il 'Gran Galà equestre Città di Cascia'
Le premesse per un successo c’erano tutte, dai biglietti venduti in poche ore ai tanti turisti e residenti che hanno pre...
Leggi
C.Castello: “Motus et Spiritus” la Danza incontra Signorelli attraverso la Fotografia
Prenderà il via venerdì 25 agosto alle ore 17,30 nello splendido scenario dei giardini della Pinacoteca comunale, l’inau...
Leggi
Chiusa la settimana centrale dell’Estate Nursina
Con la “Camminata sotto le stelle” a cura dell’ASD Norcia Run si concludono gli eventi della settimana centrale dell’Est...
Leggi
A Gualdo Tadino in tanti alla Via Crucis più lunga d'Europa. Aperti i festeggiamenti per San Facondino. Sabato 26 "il battesimo" del portaiolo
E` una delle vie crucis più impegnative, da un punto di vista fisico, alle quali si può partecipare, non fosse altro per...
Leggi
Ondata di caldo anche sull'Appennino umbro-marchigiano
Ondata di caldo sull`Appennino umbro-marchigiano, con temperature che sarebbero destinate a salire nel corso della setti...
Leggi
Procura generale dell'Umbria, serve prevenzione per codice rosso
L`esigenza di "un`attività non solo repressiva" in tema di reati da "codice rosso", ma di "convinta promozione di una cu...
Leggi
In Umbria 487 misure in un anno per reati codice rosso
Da giugno 2022 a luglio 2023 per i reati "codice rosso", quelli contro le donne o in famiglia, dalle procure del distret...
Leggi
Utenti online:      157


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv